Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Le visioni metropolitane del fotografo Enrico Chiappini

Giulianova TE, Italia
Google+

Due week end con l’esposizione del fotografo abruzzese dedicata all’ambiente urbano contemporaneo.

Le ‘visioni metropolitane’ del fotografo Enrico Chiappini in mostra nella sede della Compagnia dei Merli Bianchi a Giulianova (via Matteotti 115). L’esposizione sarà aperta al pubblico il 13 e 14 ottobre e il 27 e 28 ottobre dalle 16 alle 21.

Docente di ingegneria all’Università de L’Aquila, Chiappini è fotografo per passione e dal 2007 è socio della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Ventinove gli scatti esposti nella mostra per raccontare, attraverso la scelta di particolari costruttivi e inquadrature, i tratti tipici dell’architettura moderna e dell’ambiente urbano metropolitano. Ambiente dove l’uomo sembra assente ma – come scrive lo storico Sandro Galantini nella presentazione dell’esposizione – in realtà “è cercato, desiderato, quasi invocato come visitatore e spettatore. D’altronde è l’uomo l’artefice delle forme, ed è lui chiamato ad abitare gli spazi costruiti”.

 “Oltre al rapporto con l’ambiente – scrive ancora Galantini - Chiappini propone anche con le sue immagini la tematica dello ‘specchio’, della specularità che rinfrange tutto ciò che è ‘vero’ e che è anche, per converso, ‘non vero’, o che è palese, manifesto e, tuttavia, occulto, segreto alle nostre definitive possibilità di intendimento.

Ogni porzione riflettente, allora, può costituire la tessera di un mosaico in cui energica intensità, bellezza, conoscenza e prodigiose visioni tracciano una sorta di mappa di antitesi e tensioni che giungono a dare voce alla contemporaneità e, anche, a quella che potremmo definire il desiderio di una erranza cognitiva. Un invito al viaggio, insomma, alla ricerca di percorsi di senso soggettivo ed intersoggettivo mobili, mutevoli, multiformi nei quali i linguaggi dell’immaginario e quelli della visuale quotidiana si alternano e si fondono”.

 

Veniteci a trovare
dal 13 al 28 ottobre 2012

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: