Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Itinerario Culturale in Molise

Molise, Italia
Google+

Oggi Finesettimana.it ha deciso di condurvi alla scoperta dei Musei Molisani.

Seguiteci, passo passo, attraverso le ricchezze di questa terra, spesso poco conosciute e di indiscutibile valore storico artistico.

Partiamo dal Museo Civico di Baranello: al suo interno potrete trovare esposti reperti molto eterogenei che coprono un arco di tempo che va dal VII secolo a.C. all'era moderna.
Nella prima sala di particolare interesse sono i vasi geometrici italioti e soprattutto quelli greci di fine fattura corinzia ed attica (i reperti sono databili tra il VII ed il VI secolo a.C.) decorati con figure nere e figure rosse ed a vernice nera.
Nelle vetrine della seconda sala si posso osservare bronzi antichi, utensili da cucina, lucerne, vasi neri etruschi, peruviani e gallici, e poi alabastri, armi di metallo, avori, bronzi medioevali, bassorilievi, medaglie, porcellane di Capodimonte, di Firenze, di Venezia e finissime porcellane francesi.

Ci muoviamo ora verso il Museo Sannitico di Campobasso, situato nello storico Palazzo Mazzarotta, a pochi passi dal centro del capoluogo molisano. Il museo è il risultato di una ricca serie di donazioni con oggetti di varie epoche. Il materiale fu organizzato da un famoso archeologo, Antonio Sogliano, che stava lavorando nel complesso di Pompei.
Gli oggetti circa 500, sono raggruppati ed esposti seguendo il criterio della loro originaria funzione. Il percorso è suddiviso in 4 sezioni. La prima è dedicata ai monili femminili e maschili, come cinture in bronzo, elmetti, punte di freccia, orecchini, bracciali. La seconda, invece, agli utensili d'uso domestico, i vasi, le lampade ad olio, chiavi ed altri oggetti. La terza ai coltelli, pesi e ceramiche. La quarta, infine, contiene paramenti militari e oggetti legati ai riti funerari come statuine in bronzo e argilla, amuleti. Nel museo si può anche osservare la sepoltura di un cavaliere con cavallo, così come è stata riportata alla luce dagli scavi delle necropoli longobarde di Campochiaro (CB).

Ad Agnone vi attende invece un Museo insolito, dedicato ad un antico strumento: il Museo Storico della Campana allestito dai Marinelli, titolari dell'omonima Fonderia.
La caratteristica principale della Fonderia è costituita dal fatto che i Marinelli si sono sempre rifiutati di far entrare nel loro laboratorio le tecnologie moderne, ma non per retrivo spirito di conservazione, quanto per conservare intatta una tradizione plurisecolare che ha reso le campane di Agnone famose in tutto il mondo.
Ogni campana fusa ad Agnone diventa così un'opera a sé: gli artisti che la disegnano e gli artigiani che la fondono possono raccontarne la storia, ma non potranno mai realizzarne una copia.

Altro Museo dedicato ad uno strumento è il Museo della Zampogna di Scapoli. Definita 'Capitale

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: