Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

LARIBIANCOS

Teatro Portland Via Papiria 8, Trento, Italia
Google+

ore 19.00 Aperitivo al Portland e incontro con Pierpaolo Piludu
ore 21.00 spettacolo

Cada Die Teatro
LARIBIANCOS
dal romanzo “Quelli dalle labbra bianche” di Francesco Masala
adattamento teatrale di Pierpaolo Piludu
con Pierpaolo Piludu
disegno luci di Giovanni Schirru
suono di Giampietro Guttuso
musiche originali di Paolo Fresu
regia di Giancarlo Biffi

Una Sardegna antica, sorprendente, diversa. Un grande racconto di come si era ieri e forse anche oggi.

Dalle note di Pierpaolo Piludu
Li chiamavano ‘sos laribiancos’, ‘quelli dalle labbra bianche’: era il segno distintivo, inconfondibile, dei poveri di Arasolé, un paesino ai confini con le foreste del Goceano.
Sos laribiancos si riconoscevano subito: mangiavano poca carne, pochi carboidrati, poche proteine, mangiavano troppo poco. Lo spettacolo nasce da profondo interesse e considerazione per l’opera di Francesco Masala. In diverse occasioni il poeta-scrittore di Nughedu San Nicolò mi ha manifestato il desiderio di vedere in scena il testo teatrale Sos laribiancos, nella versione sardo logudorese.
Ho fatto però a Franziscu Masala una sorta di controproposta: “...e se invece di una messa in scena fedele, provassi a narrare la vicenda. È nato così un racconto che si rifà sia al romanzo Quelli dalla labbra bianche, che ad altre opere di Masala dove compaiono a più riprese Culubiancu, Mammutone, Tric Trac, e gli altri laribiancos di Arasolé: partiti un pomeriggio di sole del 1940 sopra un carro bestiame, per andare a fare la guerra.
Dove possibile ho cercato di lasciare inalterata la suggestione poetica delle parole dell’autore.
Allo stesso tempo, spero con il giusto rispetto, ho dovuto scegliere, aggiungere, assemblare, tradire.

Dalle note di regia di Giancarlo Biffi
Raccontare storie per non essere raccontati. Raccontare per primi, prima che qualcuno possa raccontarti I filgi di Arasolè parlano dei loro padri come se questi fossero i padri di tutti noi. Un gruppo di ragazzi va in guerra e di questi uno solo fa ritorno; ma finché qualcuno li avrà nei suoi ricordi, le loro storie continueranno a correre; finché Culubiancu una volta all'anno suonerà le sue campane, le loro voci dai viottoli di Arasolé si spanderanno nell'aria fino a raggiungere il tetto del cielo.
Il teatro si muove, non resta mai fermo; le stesse opere teatrali rappresentate in tempi e contesti diversi danno prodotti differenti.
Nella nostra messa in scena il testo di Francesco Masala, Quelli dalle labbra bianche, diventa un grande racconto e nella sua epica prende forma non solo il disagio di ieri, ma anche la “condizione” di oggi.
L’attore/narratore assume in se tutte le vicende e i volti di quegli uomini per ridarci, nel sorriso della rappresentazione, delle vite che paiono infinite.

Veniteci a trovare
il 4 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: