Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Aspettando Godot a Lonigo

Lonigo VI, Italia
Google+

Uno dei testi più rappresentativi del Teatro dell'Assurdo va in scena mercoledì 12 dicembre 2012 alle ore 21.00, presso il Teatro Comunale Giuseppe Verdi: Aspettando Godot.

Waiting for Godot, testo originale di Samuel Beckett verrà messo in scenda da Natalino Balasso e Jurij Ferrini.

Lo spettacolo nasce da un innamoramento artistico, quello tra Natalino Balasso e Juri Ferrini, compagni di scena nei “Rusteghi” di Gabriele Vacis, titolo di maggior gradimento da parte del pubblico nella scorsa stagione teatrale di Lonigo.

Sono loro gli interpreti dei personaggi beckettiani, Vladimir ed Estragon, gettati ai margini di una società che non conoscono, che si ritrovano sotto un albero spoglio in una deserta strada di campagna, per un appuntamento con un certo Godot, che ha promesso loro qualcosa di caldo da mangiare e un tetto per dormire all’asciutto.

Waiting for Godot non è solo una commedia teatrale: essa rappresenta un manifesto imprescindibile per comprendere la produzione culturale e drammaturgica del 900.

Beckett ha inventato uno stile di linguaggio straordinario ed asciutto, che da solo copre la nudità della scenografia, essenziale e ridotta al minimo.

Il senso scenico che nasce dalla condizione di attesa, che permea tutta la rappresentazione, diventa metafora della condizione umana, sospesa e trascorsa nell'attesa di qualcuno, qualcosa, che, forse, non arriverà mai.

Estragone e Vladimiro si rivelano due creature uscite da una penna ironica e tagliente, disperate ma anche allegre e innamorate della vita, abitanti di un universo dove la fantasia può invadere la scena e prendere il sopravvento su tutto il resto.

Veniteci a trovare
il 12 dicembre 2012

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: