Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Murata Viva

Teatro Kopó Via Vestricio Spurinna,47/49, Roma, Italia
Google+

Una favola nera.
Un palazzo che diviene luogo di tortura e di prigionia.
Protagonista una donna, murata viva.
Vittima di un amore fasullo, malato, crudele, che la riduce a icona della sofferenza. Subisce, senza mai opporsi. Viene privata dei sensi. Della libertà. Del contatto umano. Così vive di ricordi. E di sogni. Grazie ai quali la sua vita può ancora avere un senso. A volte la sua fantasia è così forte da prendere forma e le sembra di poter ballare di nuovo, sentire i suoni e i profumi del mondo.
Uno spettacolo, quello proposto quest’anno dalla Compagnia Teatro Attivo, per denunciare la violenza sulle donne e la loro difficoltà a reagire di fronte ai soprusi. Ma qualcuna ce la fa e trova la forza di cambiare, di ribellarsi e gridare al mondo la sua verità: “Io esisto e attraverso la mia voce posso raccontare la mia storia. Dire chi sono. Costruire la mia identità.”
La scena è uno spazio vuoto abitato dalla sola presenza femminile. Quattro donne si alternano nel ruolo della protagonista. Quattro donne. E quattro torture. Ogni attrice interpreta una perdita, nutrendola di malinconia, di rabbia, di rassegnazione. C’è chi si rifugia nei ricordi dell’infanzia, chi nella vita felice di un tempo. Chi rischia di perdersi nella follia di una colpa che non le appartiene.
“Ogni giorno che passa è un coltello che scava il suo segno sul mio corpo, mentre là fuori la vita pulsa.”
Ascoltare questa storia significa ascoltare la storia di molte altre donne.

Veniteci a trovare
dal 11 al 13 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: