Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

PAOLO SAPORITI live//Showcase nuovo album

75 BEAT Via Privata Tirso, 3, Milano, Italia
Google+

Ingresso gratuito con tessera Arci
Ore 20.00 Apertura circolo con buffet
Ore 21, 30 live di presentazione

Paolo Saporiti: voce e chitarra acustica, banjo
Roberto Zanisi: buzuki, cümbüs, bowglama, dobro
Luca Pissavini: contrabbasso

PAOLO SAPORITI
Non si intitola un disco con il proprio nome per caso. Non si comincia a scrivere canzoni in italiano – abbandonando l‘inglese al quinto disco – per caso. E non si suona musica folk così intima e verace, ma aprendola alle possibilità infinite di arrangiamenti radicalmente sperimentali, per caso. Insomma non si arriva ad un disco come questo nuovo lavoro di Paolo Saporiti seguendo rotte casuali.
Dodici canzoni folk, nel genere e nell‘indole, ma soprattutto nel senso. Quello di un uomo che per la prima volta si apre come mai era accaduto, levando fra sé e l‘ascoltatore qualsiasi ostacolo – linguistico, ma non solo – per fare i conti con il proprio vissuto e quello delle proprie radici biografiche e famigliari, a partire dalla copertina, che raffigura il nonno e il bisnonno di Saporiti.

Un lavoro di confine, fra classicità e sperimentazione. La classicità della tradizione americana a cui Saporiti si rifà, accostandola per la prima volta alla propria lingua natia, e sperimentazione come gli arrangiamenti concepiti da Xabier Iriondo (che produce e suona basso fuzz, mahai metak, waraku, field recordings e elettronica) insieme ad un nugolo di musicisti d‘eccellenza come Cristiano Calcagnile (batteria), Luca D‘Alberto (archi), Stefano Ferrian (sax) e Roberto Zanisi (bouzouki).
Detonazioni chitarristiche, ardite architetture d‘archi, sprazzi di noise anticonvenzionale, nevrastenie ritmiche e molto altro formano un‘avventura musicale tutta d‘avanscoperta, dove il contrasto fra la potenza cristallina della scrittura di Saporiti e le mille trovate dei musicisti che lo attorniano creano un qualcosa di unico.

Veniteci a trovare
il 11 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: