Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

L'ALTRO MODO DI MANGIARE LOCALE

La Piazza Ristorante pizzeria Via Umberto 45, Ittiri SS, Italia
Google+

IL PRANZO DELLA DOMENICA

Quando si parla di tradizione solitamente si pensa ad un periodo storico molto lontano, che la maggior parte di noi non ha vissuto.
Questa volta abbiamo pensato di non allontanarci troppo negli anni e descrivere un periodo in cui nell'aria si respirava il benessere, la tranquillità e la goliardia caratteristiche degli Ittiresi.
Il menù che presenteremo in occasione di PRENDAS 2014 nasce dalla voglia di ricordare le domeniche tipiche di qualche anno fa.

La domenica, a differenza dei tempi attuali, era dedicata al riposo e soprattutto alla famiglia; il momento del pranzo era l'occasione per stare tutti insieme e rimpinzarsi di tutte le prelibatezze che le madri preparavano.
La mattina, dopo la messa, si faceva la classica passeggiata al corso. Al rientro nelle nostre case trovavamo la tavola apparecchiata e, come nelle grandi occasioni, veniva utilizzato il corredo buono, cosiddetto “della domenica”, mica bicchieri o piatti di plastica! Già dall’ingresso si respirava il profumo della carne arrosto e della pasta al forno che la mamma cucinava, ma si riusciva a sentire nell'aria anche quello del dopobarba che i nostri padri si mettevano la domenica prima di uscire per andare a passeggiare.
I verdetti che venivano dati dagli esperti commensali erano degni dei più grandi cuochi: “salida”, “bamba”, “cotta ene” o “pagu cotta”, ma la realtà è che era sempre tutto ottimo, soprattutto per l'amore e la passione che le madri mettevano nel preparare il pranzo della domenica.
Ovviamente a tavola non doveva mancare il vino che, chissà come, era sempre buono: “Arrazze tichighedu e gosa”, dicevano.
Pasta al forno (così chiamavamo le lasagne), agnello o porcetto arrosto con le patate, buon vino: questo era il menù, semplice ma ottimo, allettante e familiare.
E per chiudere non dovevano mancare le paste, che da tradizione gli uomini compravano la mattina in pasticceria, al rientro dal corso.

Veniteci a trovare
il 6 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: