Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

iettavuci

La Bottega Delle Percussioni Palermo, Italia
Google+

Scrivere, raccontare e raccontarsi, lasciare un segno, una scia.
Nasce da questa volontà il primo progetto discografico di Francesca Incudine, in uscita a maggio, una volontà intima di esprimersi attraverso la musica e il dialetto siciliano per ripercorrere storie, riscrivere sentimenti, emozioni, scelte di una vita pronta ad affacciarsi sul mondo, sul circostante e sulle circostanze. Storie delicate, sospese, sguardi sull’anima di una giovane donna che osserva, che si osserva alla luce dei cambiamenti, delle paure, delle speranze che vive e attraverso luoghi e paesaggi richiamati da una scrittura immediata e visionaria. Sullo scenario delle 13 canzoni inedite, di cui Francesca Incudine è compositrice, fanno la loro comparsa amore, tenerezza, passione, nuove consapevolezze, voglia di riscatto, incontro-scontro con la realtà, con l’orgoglio e la voglia di essere “vuci”, parola per chi non parla, suono di chi vuol farsi sentire, tempio delle piccole cose che fanno grandi i propositi e che riscattano la bellezza e l’essenziale.
Musica e parole attingono a forme musicali nuove che mai smettono di dialogare con la tradizione, memoria dell’appartenenza a un luogo, a un sapore, a una cultura che pur ha bisogno di essere continuamente ritemprata per sentirsi viva. Accanto alle chitarre classiche, al clarinetto, al pianoforte, convivono i tamburi a cornice, percussioni, fisarmoniche e zampogne

“Quando arriva… quando arriva diventa musica, diventa pianto, torna ad essere terra, urlo primordiale, semplice essenza… quando arriva si fa spazio, si fa anima, parola… canto! Quando quel momento, il momento in cui resti in ascolto del tuo solo battito del cuore, arriva, come fossi nudo in mezzo alla pioggia, non puoi scegliere di scappare… scegli piuttosto di restare, di bagnarti, di svuotarti, di sciogliere quella matassa di parole e pensieri che ti suona dentro…”


DA NON PERDERE!

INGRESSO SOLO SU TESSERAMENTO

Tessera obbligatoria per l'ingresso: 3 euro
è gradita la prenotazione

Info e prenotazioni: 388 0558294

Veniteci a trovare
il 4 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: