Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Pietro Bembo e L'invenzione del Rinascimento a Padova

Padova
Google+

Pietro Bembo e L'invenzione del Rinascimento è il nome della mostra che si svolge a Padova dal 2 febbraio al 19 maggio 2013.

La mostra racconta la storia di un uomo, la sua fedeltà a un sogno e a una passione. L'uomo si chiama Pietro Bembo, e il sogno è vivere d'arte e poesia, contro consuetudini familiari e sociali. La passione è la bellezza: assoluta, senza tempo, cercata nel passato e proiettata nel futuro.

La mostra riunisce insieme le opere straordinarie degli artisti di cui Bembo fu amico, mentore, talvolta complice come Giovanni Bellini, Giorgione, Raffaello, Tiziano, Michelangelo, Jacopo Sansovino, Valerio Belli. Accanto ad esse i capolavori dell'archeologia di cui Bembo si circondò nella sua casa di Padova: la testa di Antinoo, l'arcana Mensa Isiaca proveniente dall'Egitto dei faraoni, l'antichissimo manoscritto di Pindaro, la gemma di Dioscoride appartenuta a Lorenzo il Magnifico. E insieme i più belli esemplari al mondo dei capolavori  tipografici che Bembo inventò con l'editore Aldo Manuzio.

Per la prima volta dopo cinquecento anni queste opere eccezionali ritornano a Padova dai grandi musei d'Europa e Stati Uniti. Una parata di capolavori per raccontare una storia, quella non di un semplice collezionista, ma di  uno dei registi di quello che oggi chiamiamo Rinascimento. 

Per raccontare questa storia, la mostra fa attraversare la vita di Bembo come se si fosse davanti a lui in una macchina del tempo. Il viaggio ha inizio nella Venezia di fine Quattrocento, attraversa  la Ferrara dove Bembo amò Lucrezia Borgia, giunge a Urbino e nella Roma dei Papi, per poi tornare a Padova, la città dove scelse di vivere e conservare i propri tesori, nella casa di via Altinate che fu il primo museo del Rinascimento.

Attraverso gli occhi di Bembo si potrà così "assistere" alla nascita del Rinascimento, al sorgere di un'arte italiana costruita sulla classicità antica declinata dal genio di architetti, pittori e scultori. Un'arte che ancora oggi è celebrata nel mondo e che oggi più che mai va conosciuta e difesa.

Veniteci a trovare
dal 2 febbraio al 19 maggio 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: