Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Costellazioni al teatro stabile d'Abruzzo

L'Aquila, Italia
Google+

Al teatro stabile d'Abruzzo ridotto del teatro comunale, giovedì 7 febbraio ore 21,00 Turno A - venerdì 8 febbraio ore 17,30 Turno B - "Costellazioni" di Nick Payne regia Silvio Peroni con Margot Sikabonyi, Alessandro Tiberi.

Va in scena a L’Aquila, presso il Ridotto del Teatro Comunale, Giovedì 7 febbraio alle ore 21,00 e Venerdì 8 febbraio alle ore 17,30, per la Stagione Teatrale Aquilana, COSTELLAZIONI di Nick Payne, regia Silvio Peroni, con Margot Sikabonyi ed Alessandro Tiberi.

Lo spettacolo prodotto dal TEATRO STABILE D’ABRUZZO, KHORA.TEATRO e MOBILITA’ DELLE ARTI racconta la storia d’amore di Roland e Marianne.

C'è una teoria della fisica quantistica che sostiene che esista un numero infinito di universi: tutto quello che può accadere, accade da qualche altra parte e per ogni scelta che si prende, ci sono mille altri mondi in cui si è scelto in un modo differente. Nick Payne prende questa teoria e la applica ad un rapporto di coppia. 

Roland è un tipo alla mano, che si guadagna da vivere facendo l'apicoltore. Marianne è una donna intelligente e spiritosa che lavora all'Università nel campo della cosmologia quantistica. 

Costellazioni parla della relazione uomo-donna, ispirandosi alle idee della teoria del caos. Il testo esplora le infinite possibilità degli universi paralleli: si tratta di una danza giocata in frammenti di tempo. In questa danza la più sottile delle sfumature può drasticamente cambiare una scena, una vita, il futuro. Nel testo si ripercorrono più versioni dei vari momenti cruciali della relazione di Roland e Marianne: dalla conoscenza, alla seduzione, al matrimonio, al tradimento, alla malattia, alla morte.

Payne mostra ripetutamente, le possibilità, e i diversi modi in cui i loro incontri sarebbero potuti andare a causa di fattori che vanno dalle relazioni precedenti alle parole e al tono di voce impiegati. Marianne e Roland si incontrano, sono fidanzati, non sono fidanzati, fanno sesso, non fanno sesso, si perdono, si ritrovano, si separano e si incontrano di nuovo.

Il testo si estende in un'indagine sul libero arbitrio e sul ruolo che il caso gioca nelle nostre vite. Se tutto questo potrebbe far sembrare Constellations un testo scientifico, non è niente del genere. 

Assolutamente divertente, ma disperatamente triste: è proprio il suo dinamismo intellettuale ed emotivo a rendere il testo unico e travolgente

MARGOT SIKABONYI  

Poliedrica attrice di televisione, cinema e teatro. Diplomata presso la Scuola di Recitazione Cour Simon di Parigi e la Vancouver Film School. È entrata nella casa degli italiani interpretando sin dalla prima serie il ruolo di Maria Martini in Un medico in famiglia. Dall’età di 11 anni in tv ha interpretato i ruoli più disparati ne I ragazzi del muretto, Caro Maestro, Toilette, Il Commissario Nard

Veniteci a trovare
dal 7 al 8 febbraio 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: