Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Festa di San Biagio 2013

Castiglione A Casauria PE, Italia
Google+

Nella giornata di domenica 3 febbraio 2013, a Castiglione a Casauria, in provincia di Pescara, si svolge la festa del Patrono San Biagio.

Il culto di San Biagio è di derivazione orientale: la più antica testimonianza del culto e del potere a lui attribuito contro i mali della gola la fornisce uno dei più rinomati medici del VI secolo Aezio di Amida che nel libro Tetrabiblion nel paragrafo dove tratta "Delle spine ingoiate e conficcatesi nelle tonsille" dopo aver esposto i vari rimedi di cura, accenna alla potenza di S. Biagio in questi termini: "si tocchi la gola del paziente e si dica: come Gesù fece uscire Lazzaro dal Sepolcro e Giona dal ventre del cetaceo,così anche tu osso o scheggia: S. Biagio martire e servo di Cristo ti comanda: esci o discendi".

Dall'Oriente il culto passò poi all'Occidente tra l'VIII e il IX secolo: chiese, santuari, cappelle, altari in onore del santo vengono eretti in ogni parte d' Italia e d' Europa. Una zona di particolare concentrazione mistica per quello che riguarda il culto di questo santo si è rivelata poi l'area casauriense.

A Castiglione a Casauria ma anche a Pietranico ed Alanno, paesi legati alla civiltà della Transumanza, il suo culto si impone anche perchè protettore dei cardatori della lana e dei tessitori che lo hanno assunto come loro patrono per la somiglianza dei loro strumenti con gli uncini di ferro usati nel martirio. Infatti dopo averlo fatto fustigare legato ad una colonna per essersi rifiutato di sacrificare agli dei i carnefici gli slogarono braccia e gambe straziandolo poi con pettini di ferro.

Veniteci a trovare
il 3 febbraio 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: