Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

FCVI 2014 #DAY4 Festival del Cinema Veramente Indipendente

Festival del Cinema Veramente Indipendente Vicolo del Puttarello, 25, Roma, Italia
Google+

Il Cinema Indipendente fa Veramente schifo?
Non merita forse la stessa attenzione e non ha forse la stessa dignità del “vero” Cinema?
Venite a dire la vostra al Cinema Trevi.
L'ingresso è rigorosamente FREE fino ad esaurimento posti quindi venite 20 minuti prima dell'inizio degli spettacoli!

Qui si vuole creare un movimento in grado di cambiare le regole di questo gioco.
Qui si vuole mettere Veramente in movimento il Cinema Indipendente.
Qui si vuole tessere una rete di cineasti attivi e appassionati, attraverso un’esposizione indipendente da meccanismi lobbistici e da individualismi ingiustificati che vi mettono gli uni contro gli altri.

Chiudiamo con questa quarta giornata la seconda edizione del FCVI con 3 spettacoli
17:00>19:00 corti drammatici
19:00>21:00 commedie
21:00>23:00 horror

>> 1°spettacolo DRAMMATICI (17.00 - 19.00)

MIRIAM di Andrea Zuliani Drammatico Colore 15’
Miriam è una giovane attrice come tante, ma il sorriso che sfoggia durante i provini è solo la maschera dietro cui si nasconde. Dopo anni passati a inseguire i suoi sogni senza risultati in un mondo impietoso come quello dello spettacolo, Miriam prova un senso di perenne fallimento e inadeguatezza. Incapace di vedersi per la persona piccola, fragile e umana che è, disprezza se stessa e il proprio corpo, covando dentro di sé qualcosa di profondo e insinuante...

Mille anni al mondo di Francesco Lonatro Drammatico B/N 6’
Una donna racconta la sua vita. La sua voce, carica di struggimento e nostalgia, ci tiene sospesi al filo della memoria. Le immagini, giocando con le luci antiche della creazione, spiano un'esistenza qualunque: nascita, gioventù, vecchiaia e morte di una donna qualunque, dunque essere unico ed irreplicabile. Dopo la sua esistenza terrena, il suo spirito, saldamente attaccato agli ultimi brandelli di materialità, rimane ad esistere nell'unico luogo che conosce: Palermo.

Serenata di Daniele Zanzari Drammatico Colore 10’
Un padre, sua figlia appena maggiorenne, un giovane uomo che in amore gioca il tutto per tutto, un evento che farà vibrare le loro tranquille vite rompendo un silenzio. L‟evento è una serenata a sorpresa, eseguita con voce emozionata, a tratti stonata ma che sarà una svolta per i tre personaggi le cui esistenze, dopo, non saranno più le stesse. I temi che animano “Serenata”sono la libertà di scelta e la ricerca della felicità perduta. La storia fa parte del progetto “Why not”, e nel caso specifico perché no? è la nostra risposta alla questione se sia legittimo o meno scegliere (o tentare) di essere felici fuori dagli schemi consueti.”

La soluzione di Marco di Fabio D'Alessio Drammatico Colore 8’
Una luce calda penetra in un salone accogliente dove Marco e Monica, seduti in silenzio intorno ad un tavolo, si guardano tra loro preoccupati. Nella culla vicino a loro c’è la figlia di un anno che dorme. Monica rompe il silenzio rivolgendosi, con un tono rassicurante, verso Marco. Dal suo dialogo percepiamo che Marco le ha appena confessato che la loro condizione economica non è delle migliori. Debiti e ipoteche gravano sul loro esiguo patrimonio. Nonostante la drammatica situazione Monica cerca di trovare rimedio a quei problemi, ipotizzando possibili e drastiche soluzioni. Marco evidentemente provato annuisce alle proposte senza proferire parola e alla fine ammette i propri sbagli nel nascondere la realtà alla moglie. Monica stringe la mano di Marco dicendo: “Visto? A parlarne insieme dei problemi diventano meno paurosi. Se solo fossi venuto prima, avremmo sicuro trovato insieme una soluzione migliore della tua.”. Un telefono squilla nella stanza. Nessuno risponde. Il tavolino dove era seduti Monica e Marco adesso è vuoto. Il telefono continua a squillare. Il suo suono fastidioso e angosciante riecheggia nella casa. Ogni stanza è vuota, tranne una. La camera matrimoniale. Qui, riversi sul letto, senza vita ci sono i corpi di Monica e del figlia. Entrambi sono sporchi di sangue. Più in là a terra è riverso il corpo di Marco anch’esso insanguinato. Vicino a lui sul pavimento c’è un coltello. Marco si sveglia. Non è morto. Urla.

Sabato di Danilo Sergio Drammatico Colore 7’
Come ogni Sabato, Zeno attende che suo padre venga a prenderlo per portarlo al mare e passare del tempo con lui. Purtroppo, però, come ogni Sabato, suo padre gli preferisce un altro tipo di compagnia e Zeno non capisce se questo è bene oppure è male...

FUMO ROSSO di Giovanni Buzzatti Drammatico Colore 12’
Ci muoviamo in ambito contemporaneo, due politici devono risolvere un problema legato alla chiusura di un grosso stabilimento industriale a causa di un disastro ambientale. L'atmosfera è calda, rilassata e quasi familiare, mentre sullo sfondo la società è in rivolta. Ma "qualcuno" di questa società li ha studiati e conosce le loro debolezze, parte quindi un'azione di rivalsa.

E' un optional di Paolo Virone Drammatico Colore 3’
Un giovane sulla trentina, entra in auto, mette in moto la macchina e va via, arriverà alla meta in due modi diversi, quale dei due sarà il più sicuro...?

SENECTUS IPSA MORBUS di Rosa Maietta Drammatico Colore 6’
Un'anziana "vive" la sua estinzione nella stanza di un ospizio, sua ultima culla.

PLáCido ! di Erick David & Palacios Anazco Drammatico Colore 1’24’’
Plácido, giovane informatico senza lavoro, si ritrova a chiedere dei soldi a Patrick, uno strozzino. Quest'ultimo però si rivelerà essere qualcosa di più...

Never Eleven di Livio Bondi Drammatico Colore 4’
due persone affette da amnesia si ritrovano ad avere una bizzarra conversazione in un'ospedale abbandonato.

>> 2°spettacoloHORROR (19.00 - 21.00)

Io vedo i mostri di Federico Alotto Horror Colore 15’
QUESTA E’ LA STORIA DEL PICCOLO GIULIO, CHE DURANTE LA CENA VIENE INVIATO A PRENDERE IL VINO IN CANTINA...

Starving [Gli Affamati] di Mike De Caro Horror Colore 19’
In un mondo stravolto da un virus che trasforma uomini in animali cannibali, Joseph, un ex broker di Wall Street, crede di essere in possesso dell'antidoto e decide di razziare una banca per speculare sulla crisi prima che le cose tornino alla normalita'.

Sarcophaga di Giuseppe Peronace Horror Colore 20’
Rita è una giovane e attraente ragazza che per realizzare un book fotografico contatta Claudio, un fotografo che dietro un viso pulito e affascinante nasconde un’altra identità: quella di un sadico squilibrato che ama "mettere a fuoco" il terrore negli occhi delle sue vittime dopo averle seviziate in un seminterrato umido e isolato. Ma stavolta Claudio non sa che i suoi giochetti saranno ostacolati dal nuovo spasimante di Rita. La ragazza, infatti, attraverso alcune foto, ha fatto innamorare di sé un corteggiatore molto particolare, non più grande di un bottone, che quando vola ronza, ha gli occhi a specchio e di nome fa Sarcophaga. È una mosca. Una mosca con più sentimenti di un normale essere umano determinata a far di tutto pur di esprimere il proprio amore. Riuscirà il piccolo insetto a vendicarsi di Claudio e salvare la vita della sua innamorata?

Psycho & Love di Mattia De Pascali Horror Colore 15’
"Psycho & Love" è un adattamento in chiave moderna di "La favola di Amore e Psiche" di Apuleio: una ragazza giovane e illibata viene prelevata contro la propria volontà per essere costretta ogni notte a soddisfare i piaceri sessuali di un uomo nascosto nell'ombra. Con il tempo la ragazza avrà modo di osservare il volto del proprio carnefice/amante e scoprire che si tratta di un essere divino. Ma quest'ultimo punirà la curiosità della giovane, liberandosene. Per quanto il cortometraggio possa apparire carico di cinismo e misoginia, l'autore vuole sottolineare che sono tutti elementi presenti nel classico di partenza, il quale spesso viene studiato nelle scuole come esempio di romanticismo idilliaco. Su quali basi si poggia dunque la nostra cultura?

Decameron Capitolo zero di Maurizio Ciccolella Horror Colore 6’
Decameron Capitolo zero racconta l'incipit del Decameron di Boccaccio, volendo essere una prima puntata di una web series sull'opera. Nel cortometraggio la natura è intesa come una forza invincibile, la cui espressione prima è l'Amore, che domina insieme l'anima e i sensi. Come in Boccaccio si rivendica il diritto ad una letteratura liberata dai tabù, il cortometraggio apre ad una dimensione "ecologica" dell'Eros.

>> 3°spettacolo COMMEDIA (21.00 - 23.00)

La Ciofeca di Enrico Iannaccone Commedia Colore 13’
Peppuccio Cristallo ha da poco vinto le elezioni comunali. A giudicare dalle sue manovre, sembra aver rinnegato gli insegnamenti dello zio, vero "padre" della sua coscienza politica. Eppure, il neoeletto vuole a tutti i costi incontrare il parente per rendere l'ultimo omaggio ad un idolo che si trasforma in nemico nella acerrima sfida a scacchi della democrazia.

Ce l'hai un minuto? Di Alessandro Bardani Commedia Colore 9’
"Ce l'hai un minuto?", questo chiede Oreste, un signore romano sulla cinquantina a Madhi, un giovane ragazzo palestinese, prima di fornirgli le indicazioni stradali necessarie per arrivare dalla periferia romana fino in Palestina. Un lungo viaggio arricchito da divertenti aneddoti e malinconici ricordi, un'evasione dalla solitudine che si trasforma in un incontro surreale ed ironico tra i due protagonisti.

Numeri di Gianluca Balla Commedia Colore
La monotona vita di Marta, una giovane dal passato burrascoso, viene stravolta dal ritrovamento, giorno dopo giorno, di alcuni misteriosi bigliettini sul vetro della propria automobile...

via veneto di Karma Gava Commedia Colore 4’
Come un divo della Dolce Vita un noto personaggio si aggira per via Veneto a Roma, inseguito dai paparazzi. Ma nasconde un segreto, e noi ci chiediamo: i sogni aiutano a vivere o ci illudono inutilmente..? (ho inserito sotto il link sa cui vedere e scaricare il video, bisogna inserire la password: "veneto")

Too Much Love di Graziana Mirabile Commedia Colore 7’
L'abitante di un paesino si sente perseguitato da una coppia di giovani innamorati e decide di vendicarsi.

Dreaming Apecar di Dario Leone Commedia Colore 16’
Caterina è una donna italiana di quarantacinque anni. Da molti mesi è senza lavoro. Trovarne un altro sembra impossibile, così accetta di fare la badante. Dovrà occuparsi di Gheorghe, esuberante ottantenne romeno in sedia a rotelle. Un'esperienza che le cambierà la vita.

Ugo's day di Piero Grant Commedia Colore 17’
Roma, 2103. Percorriamo una "solita" giornata di Ugo, un giovane studente di architettura, in crisi con la "presunta" fidanzata (Lucia), vive con Arno, suo amico nonchè collega di università. Per svuotare la mente da questo periodo nero, Ugo userà il suo tempo in svago, per poi rendersi conto che questa "giornata" ha qualcosa di strano. "e se ieri e oggi, apparentemente senza ragione, non hanno più il domani?"

Veniteci a trovare
il 27 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: