Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

FCVI 2014 #DAY1 Festival del Cinema Veramente Indipendente

Festival del Cinema Veramente Indipendente Vicolo del Puttarello, 25, Roma, Italia
Google+

Il Cinema Indipendente fa Veramente schifo?
Non merita forse la stessa attenzione e non ha forse la stessa dignità del “vero” Cinema?
Venite a dire la vostra al Cinema Trevi.
L'ingresso è rigorosamente FREE fino ad esaurimento posti quindi venite 20 minuti prima dell'inizio degli spettacoli!

Qui si vuole creare un movimento in grado di cambiare le regole di questo gioco.
Qui si vuole mettere Veramente in movimento il Cinema Indipendente.
Qui si vuole tessere una rete di cineasti attivi e appassionati, attraverso un’esposizione indipendente da meccanismi lobbistici e da individualismi ingiustificati che vi mettono gli uni contro gli altri.

Inauguriamo la seconda edizione del FCVI con 3 spettacoli
17:00>19:00 corti sperimentali
19:00>21:00 corti drammatici
21:00>23:00 commedie

>> SPERIMENTALI (17:00 – 19:00)

Cuniculum vitae di Francesco Brusa Sperimentale B/N 19’
.. è un viaggio astratto nella psicologia contemporanea, in cinque scene simboliche nel segno della precarietà: la precarietà delle ideologie e dell'identità, della posizione e dell'equilibrio, della sessualità e della realtà, della coppia e dell'emancipazione femminile. Un colloquio di lavoro surreale, un impossibile passaggio di canna, un rapporto erotico a metà fra il reale e il virtuale, una castrazione metaforica e un dialogo in alfabeto morse tentano di mettere in luce, allusivamente, alcune crepe della società postmoderna.

TUTTO IL BENE DEL MONDO di Davide Scovazzo Sperimentale Colore 7’
…e se Cristo ritornasse sulla Terra oggi, tra il terminale degrado e il tenero squallore dei nostri Vicoli, saremmo in grado di riconoscerlo?

Acquario di Marcello Caroselli Sperimentale Colore 10’
Quel luogo assunto come simbolo di una dimensione alternativa a quella convenzionale dell’uomo civilizzato. Il luogo magico per una nuova consapevolezza ed una ritrovata tensione etica e spirituale, per un moto di emancipazione dalla gabbia del sistema sociale della cosiddetta società civilizzata. […] L’era dell’Acquario si contraddistingue per un profondo cambiamento nella dimensione spirituale ed intellettuale dell’uomo […]

AMORE FERMATI di Giuseppe Pietro Tornatore Sperimentale B/N 3’
Un omaggio al cinema muto e al contempo una sarcastica presa in giro delle dinamiche che dominano i rapporti fra i sessi, il tutto contrappuntato dalla bella canzone di Fred Bongusto che dà il nome al titolo.

Taglio di William Wilson Sperimentale Colore 14’
Una giovane sposa, ritenendo che il marito non la ami più, si inventa la presenza di un corteggiatore per ingelosire il marito. Con la complicità di negozianti si fa spedire a casa vari regali come mazzi di fiori, gioielli ed anche lettere d'amore, tutto questo nella continua indifferenza del marito, il quale s'invaghisce di totano. grazie all'aiuto del mago Ebola tutti i protagonisti vincono un viaggio premio a Mauthausen.

Silenzi di Paolo Fantini Sperimentale Colore 3’
Ascoltare i suoni del mondo esclusivamente attraverso gli occhi, il cuore o la pancia è una condizione in cui vivono milioni di persone. Vivere nel silenzio può spaventare solo i poveri di spirito per i quali la vita ha un unico modo per essere vissuta appieno: il loro.

A Midsummer's Night Dream di Lucrezia Chiarle Sperimentale Colore 1’
Disegnando direttamente su una vecchia pellicola cinematografica, la descrizione di un sogno, di un ricordo estivo, fatto di suoni, colori e forme.

Globo's Soliloquy di Christian Ciampoli Fantasy Colore 3’
Globo's Soliloquy è il monologo un anatra muta, il suo viso è caratterizzato da una corazza rossa scarlatta, le pieghe e le "bolle" del suo volto hanno suggerito il suo nome. Vive libero, passa l'inverno su una catasta di legna di castagno, sa volare e nuotare, mangia erbe e insetti, si fa il bagno.

>> COMMEDIE (19.00 - 21.00)

La Bouillabaisse di Nicola Parolini Commedia Colore 7’
Mettete in una cucina: una coppia in crisi, una colorita brigata ed un’improvvisa richiesta fuori menù. Risultato?! Una Ricetta…perfetta!

A QUESTO PUNTO... di Antonio Losito Commedia Colore 19’
Enrico è sconvolto e addolorato per l’improvvisa perdita del suo amico e socio in affari Paolo. Si reca a casa del defunto amico dove trova la vedova e tutti i loro amici che si stringono intorno al feretro di Paolo per l’ultimo saluto compreso il prete e amico Don Cristiano. Non appena il prete ed Enrico restano soli con il povero defunto, si scopre in realtà che Paolo è vivo e che è tutta una truffa…I due soci infatti hanno deciso di truffare l’assicurazione sulla vita per poter intascare il premio di cinque milioni di euro. Per realizzare la truffa si avvalgono dell’aiuto del dottor Cecconi, incaricato di firmare il referto medico per poter intascare il premio assicurativo, del custode del cimitero che aiuterà a far uscire Paolo dalla sua bara, una volta andati via tutti e dello stesso Don Cristiano. Tutto sembra funzionare fino a quando..

L'ultimo scatto di Serena Del Prete Commedia Colore 9’
Alessio ha cinque giorni di tempo prima che il padrone di casa venga a riscuotere i soldi dell'affitto. Suo malgrado si trova costretto a raggirare Toni, un suo vecchio amico che non vedeva da anni e che incontra per caso davanti a un mercato. "L’ultimo scatto", una piccola commedia che affronta in maniera ironica il problema della disoccupazione giovanile.
Rose rosse di Stefano Carderi e Emanuele Venturi Commedia Colore 3’

L'importanza di essere in sintonia con l'universo di Yuri Parrettini e Federico Micali Commedia Colore 8’
Una lettera, una partenza improvvisa e la strana giornata di Ervin (e del suo gemello) un ragazzo albanese in quotidiano confronto con soggetti che ripetono paradossali luoghi comuni.

Kindergarten di Marco Chiappetta Commedia Colore 16’
Un ventenne del quartiere napoletano del Vomero vive nel ricordo dell'infanzia e nelle illusioni di quell'età, ma matura a poco alla volta sulla propria coscienza il senso della sua solitudine e la durezza della vita adulta.

La voce del passato di Marta Gervasutti Commedia Colore 12’
La vita è piena di impegni, di scadenze, di preoccupazioni. Ritrovare casualmente degli oggetti del nostro passato: i giocattoli che usavamo da bambini, i fumetti che leggevamo fino ad impararli a memoria, ci riporterebbe ad un tempo lontano, un tempo senza scadenze. Potrebbe anche capitare di ritrovare un registratore, con tutte le cassette che usavamo per registrare la nostra voce,una voce che domanda, che chiede, se da grandi saremo in grado di rispondere a tutto ciò che da bambini creava curiosità. La voce del passato ci porterebbe a tornare bambini e a fondere ciò che siamo con ciò che eravamo.

E penso a te di Ettore Di Gennaro Commedia B/N 3’
Una strada assolata, un pensiero fugace, e la realtá dei sentimenti che si palesa. Pensare fa male.. molto male!

Waltere di Carlotta Proietti Commedia Colore 13’
Marco, un attore di belle speranze in cerca della grande occasione, s’imbatte in un casting/aiuto regia ciarlatano, furfante e impostore di nome Walter. Privo di scrupoli e cinico, Walter, lo illude e lo raggira con l’unico scopo d’impossessarsi delle preziose foto di Marco che poi userà per i propri bassi interessi. Un ritratto satirico e comico del sottobosco umano e misero di cui è pieno il cinema italiano.

>> DRAMMATICI (21.00 - 23.00)

La sera di Tommaso Merighi Drammatico Colore 15’
Quattro persone tormentate si incontrano in un luogo solitario per parlare delle proprie vite e delle proprie rispettive paure. Tra di loro non esiste un dialogo, ma soltanto una propria personale linea monologante che si manifesta come necessità disinteressata di esprimersi. L'ambiente innaturale e sterile del loro incontro è in realtà la manifestazione fisica e reale delle loro angosce e della loro soggettività inquieta che cerca inutilmente risposte nell'oscurità della sera.

Utility Fog di Gianluca Lasaracina Drammatico Colore 5’
Il film racconta la giornata tipo di Gaia, che pone la tecnologia di fronte agli affetti e la salute. La protagonista soffre di attacchi di panico e di una forte depressione, tanto che la sua “compagna d’avventure” è una scatoletta di Alprazolam (Xanax). Gaia è una dirigente di un’azienda che trasporta volatili all’estero. Verso ora di pranzo ordina e paga online un sushi e una mezz’ora dopo le viene recapitata da un corriere. Chattando con un’amica si scopre che la sera stessa, incontrerà per la terza volta un uomo, Patrick. Dopo essersi addormentata, la protagonista si alza e si prepara per un appuntamento con Patrick. Come se dovesse uscire, si connette, invece, ad un sito erotico e comincia a svestirsi di fronte alla camera. Si sveglia alle 3:00 per effettuare una video-conference con un cliente coreano che non ha ricevuto l’ordine effettuato. Dopo un po’ Gaia per la stanchezza sviene sul letto, come se fosse morta.

MARGERITA di Alessandro Grande Drammatico Colore 15’
Efrem, giovane rom e abile borseggiatore, affronta il suo primo furto in appartamento. Un’esperienza che gli cambierà la vita

Ragazza con ombrello di Graziano Molino Drammatico Colore 9’
Pietro , fotografo per passione, inizia ad avere dei riconoscimenti artistici importanti. La sua vita sentimentale è minacciata dall’ossessione per il suo lavoro; un’ossessione che lo porterà a non comprendere più la differenza tra realtà e immaginazione.

Una semplice storia d'amore di Stefano Valentini Drammatico Colore 12’
Un contorto viaggio nell'interno di una coppia che, per amare, ricerca il vero significato dell'amore.

Quasi padre di Federico Mottica Horror Colore 20’
Cortometraggio che racconta le vicende di un padre che si trova in difficoltà a vivere la quotidianità della sua famiglia.

Veniteci a trovare
il 24 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: