Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

NE ME QUITTE PAS ... | galleria upp

Galleria UPP - Arte Contemporanea Giudecca 282, Venezia, Italia
Google+

NE ME QUITTE PAS ... (segue testo in italiano)

galleria upp of Venice is pleased to present “Ne me quitte pas,” a group show that brings together the works of artists from different generations and backgrounds on the complex and intense themes of absolute love and the body as the powerful and fragile vehicle of its expression. This unorthodox and unconventional story will be told through works by Andrea Contin, Natalia LL, Ruben Montini, Ilaria Piccardi, and Sędzia Główny, which – mounted together – address very different aspects by love and the body, tapping into absolute themes and profound truths. Each work in the show deals with an aspect of human relationships and feelings from a particular, original point of view. Seen together they create a cohesive mosaic that – through photography, video, performance – breaks the normal way of viewing sentiment, generally confined to gender stereotypes, predictable eroticism, and romantic clichés.
The real protagonist of the show is the body, a symbolic place fraught between its intimate and public dimension, ‘elected’ as the primary vehicle of communication. The body as an imperfect conveyor of identity, as a harmonious and distorted relationship tool, as a mirror for reflecting and absorbing the other, as a screen on which to project oneself onto the other to be absorbed, as the object of erotic humiliation which is really an instrument of power, as the representation of profound uninhibited affection, as a site of the tragic incompleteness of its perfection.

Andrea Contin’s 2006 performance lends its title to the exhibition. “Ne me quitte pas” – don’t leave me – is a phrase from a poignant song recorded by Jaques Brel in 1959 and later performed and reinterpreted in dozens of different versions over the years. In Contin’s performance, documented here in video, "Ne me quitte pas" becomes the leitmotif of a circular conversation, sung by the man, in drag, to the woman wearing the pants, in a closed circuit that inscribes them as an androgyne.

Natalia LL, icon of 1970s Polish feminism, presents a photographic work from her Consumer art series (1972). Developing the theme of the body as a subject–object, the work is entrusted to the face of a young woman whose simple gestures with her fingers produce clear insinuations and erotic messages. By
intervening in seemingly minimal ways, the artist undermines the perception of sexual stereotypes and produces an inversion that reveals the power and infinite nobility of women, now portrayed as sexually active beings.

Ruben Montini presents images and memorabilia from his 2013 performance Tip-tap, in which he tries to walk in a pair of women’s high heels from which the heels have been cut. Poised between the comic and the dramatic, Montini tries to put the heels back on the soles to find stability and reach his goal. Completely naked, he staggers in his attempt to find a metaphorical balance, trying to hide his genitals between his legs, in a citation from Vito Acconci’s 1970 performance.

The work of the young photographer Ilaria Piaccardi speaks spontaneously and without filters in the shots – including the poignant polaroid L'ultima notte prima di dirti ciao (2014) – devoted to her deep, indissoluble love for her grandmother at the time of their separation and final parting. Piccardi creates a play of mirrors that recounts the fusion of two souls, starting from the beautiful soul of the elderly body that, through photography, is metaphorically transformed into the body of the young artist herself.

Finally, the Polish duo Sędzia Główny presents Chapter LXI Women's Day, a two-channel video-installation from 2007 that reproduces an extreme and elegant performance in which the artists engage in a game of erotic allusion that leaves little room for interpretation. Wearing nothing but polka dot dresses, the two girls
spit vodka on the floor and then carefully lick it up, provoking reactions that expose, and strongly condemn, the mechanism of male domination created by
clichés and submission.

The exhibition “Ne me quitte pas” came to be as a free variation on a theme, without claim to historical–critical inquiry. Taken together as if they were a single potent image, the works offer an open perspective and an idea of human relationships perceived as far as possible in their complexity and uniqueness, each one different from the others and equal to itself alone, in complete freedom. Related, individually-bound themes, such as gender/transgender identity or social demands, remain in the background without becoming dominant, allowing the leitmotif to focus on relationship, embrace, loneliness, empathy, play, power, and sensuality.
_

Andrea Contin was born in Padua in 1971, and lives and work in Milan and Venice. He completed his studies at the Accademia di Belle Arti in Bologna and has since exhibited in numerous solo and group shows in Italy and abroad, participated in competitions and received fellowships, held seminars and conferences in museums and public institutions, and taught at the high school and university level. His work merges an imposing physical presence with a fun,
provocative use of the body. Eluding rational perception, it directly and empathetically meets the viewer’s experience, which merges with the artist’s through the power of metaphor and the straightforward use of strong but elegant and direct language.

Natalia Lach Lachowicz (LL) was born in 1937 in Zywiec Poland, where she lives and works, and where she completed her studies at the State High School of Fine Arts in Wroclaw. She is considered one of the best Polish artists and one of the most important feminists worldwide. Active for more than forty years, her works, which include paintings, drawings, photographs, installations, sculptures, performances, and video art, are now considered an integral part of the history of contemporary art. As a leading exponent of Body Art, her work has been shown in important art exhibitions in Poland and abroad, along with that of some of the most important international body artists and performers, in contexts such as the Biennale de Paris, the Bienal de São Paulo, and the Centre Georges Pompidou in Paris.

Ruben Montini was born in Oristano in 1986, and lives and works in Berlin. He studied at the Accademia di Belle Arti in Venice and the Manchester Metropolitan University before graduating from Central Saint Martin’s College of Art & Design in London. He has since participated in various solo and group shows in Italy and abroad at public institutions and private galleries. A leading actor in his work, he addresses the history of performance with particular emphasis on the language developed by certain feminist artists, tackling pressing issues of the queer and LGBT community and subjects on the cutting edge of contemporary European geography and politics.

Ilaria Piccardi was born in Alessandria in 1992, and
lives and works in Milan, where she graduated from the Brera Accademia di Belle Arti and studied photography with the artist Alessandra Spranzi. She is a strong
and sensitive photographer who has just begin to exhibit but has already received attention and acclaim, including the recent "young talent special mention" at the 2013 edition of the Art Gallery Prize in Milan.

Grupa Sędzia Główny (Chief Judge) is the Polish duo made up of Karolina Wiktor (Konin, 1979) and Aleksandra Kubiak (Luban, 1978). The artists studied at the Department of Art of the University of Zielona Gora, where they did their first individual performances, and began to work together in 2001, united by a shared vision of reality and a symbiotic emotional connection. Their performances subvert commonplaces and expose the cultural clichés of femininity and sexuality, in acts that go to the limit of physical resistance reaching the point where their very safety is at risk. The work of the duo ended when their relationship broke up; it is now conserved in major institutions including the Museum of Contemporary Art in Lodz, Poland.

_____________________________


NE ME QUITTE PAS


La galleria upp di Venezia è lieta di presentare Ne me quitte pas, mostra collettiva che riunisce opere di artisti di diverse generazioni e provenienze centrate sui temi intensi e complessi dell'amore in senso assoluto e del corpo come potente e fragile veicolo della sua espressione. A raccontare questa storia non canonica e fuori dagli schemi saranno le opere di Andrea Contin, Natalia LL, Ruben Montini, Ilaria Piccardi e Sędzia Główny, che nell'insieme dell'allestimento parleranno dell'amore e del corpo nelle declinazioni più diverse, andando a toccare temi assoluti e verità profonde. Ognuno dei lavori in mostra, infatti, affronta un aspetto delle relazioni umane e dei sentimenti da un punto di vista particolare e originale.
Le opere, che ruotano attorno alla fotografia, al video e alla performance, compongono qui un mosaico unitario che rompe la visione ordinaria del sentimento, solitamente imbrigliata da stereotipi di genere, erotismi scontati e luoghi comuni romantici.
Il vero protagonista della mostra è però il corpo, luogo simbolico teso tra la sua dimensione intima e pubblica, eletto a strumento primario di comunicazione. Il corpo come veicolo imperfetto dell’identità; come strumento armonico e distorto di relazione; come specchio su cui far riflettere l’altro da sé, assorbendolo; come schermo attraverso il quale proiettare se stessi sull’altro, per venirne assorbiti; come oggetto di umiliazione erotica che è in realtà strumento di potere; come immagine dell’affetto profondo, senza pudori; come luogo della tragica incompletezza della sua perfezione.

È Andrea Contin a prestare il titolo alla mostra con Ne me quitte pas, performance del 2006 qui documentata in video. Ne me quitte pas, non mi lasciare, struggente brano di Jaques Brel inciso nel 1959, cantata e reinterpretata negli anni in decine di versioni diverse, nella performance di Contin diventa il filo conduttore di un discorso circolare, cantato dall’uomo, travestito, alla donna di cui veste i panni, in un circuito chiuso che li racchiude come un androgino.Natalia LL, artista icona del femminismo polacco degli anni Settanta, presenta un'opera fotografica dalla serie Consumer art del 1972, in cui il tema a lei caro del corpo come soggetto-oggetto è affidato a un giovane volto femminile che, con semplici gesti delle dita, produce chiari ammiccamenti e segnali erotici. Con interventi apparentemente minimi l'artista scardina la percezione dagli stereotipi sessuali e produce un rovesciamento che svela il potere e l’infinita nobiltà della donna, rivelata ora come soggetto sessualmente attivo. Ruben Montini presenta immagini e reliquie dalla sua performance Tip-tap del 2013, che lo vede impegnato a camminare indossando calzature femminili a cui sono stati tagliati in precedenza i tacchi a spillo. In bilico tra il comico e il drammatico, Montini cerca di riposizionare i tacchi sotto le suole per potersi reggere in equilibrio e raggiungere il traguardo. Completamente nudo, barcolla in cerca di un metaforico equilibrio, tentando di nascondersi i genitali tra le gambe, citando così una performance di Vito Acconci del 1970. Parla con immediatezza e senza filtri il lavoro della giovane fotografa Ilaria Piaccardi, con i suoi scatti dedicati al profondo e indissolubile amore verso la nonna nel momento dell'oblio e della separazione, tra cui la struggente polaroid "L'ultima notte prima di dirti ciao" del 2014. Piccardi crea un gioco di specchi che racconta la fusione di due anime, partendo dall'anima bellissima di quel corpo anziano che, attraverso la fotografia, si trasforma, diventando metaforicamente il corpo giovane dell'artista stessa.
Infine, il duo di artiste polacche Sędzia Główny presenta Chapter LXI Women's Day, video-installazione a due canali del 2007 che riproduce una performance estrema ed elegante, in cui le artiste sono impegnate in un gioco di allusione erotica che poco spazio lascia all'interpretazione. Le due ragazze, vestite solo di un abitino a pois, sputano sul pavimento la wodka che poi accuratamente leccheranno, provocando così reazioni che mettono a nudo, con la forza della denuncia, il meccanismo della dominazione maschile fatta di cliché e sottomissione.

Ne me quitte pas è una mostra nata semplicemente come libera variazione su un tema, senza pretese di indagine storico-critica. Tutte assieme, come fossero un'immagine unitaria e potente, le opere in mostra offrono una prospettiva aperta e un'idea delle relazioni umane il più possibile rivolte alla complessità e all'unicità, ogni volta diverse dalle altre e uguali solo a se stesse, in piena libertà. Temi collaterali legati al singolo, come l’identità di genere e trans-genere o la rivendicazione sociale, fanno da sfondo senza diventare temi dominanti, lasciando che il filo conduttore del percorso sia centrato sulla relazione, sull’abbraccio, sulla solitudine, sull’empatia, sul gioco, sul potere e sulla sensualità.

-
Andrea Contin, nato a Padova nel 1971, vive e lavora tra Milano e Venezia. Dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bologna ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero, ha partecipato a premi e ricevuto borse di studio, tenuto seminari e conferenze in musei e istituzioni pubbliche e insegnato al liceo e all’università. Nel suo lavoro unisce un'imponente presenza fisica a un uso del corpo divertente e provocatorio, aggirando la percezione razionale per arrivare direttamente ed empaticamente al vissuto dello spettatore, che si aggiunge a quello dell’artista grazie alla forza della metafora e alla semplicità di un linguaggio potente ma elegante e diretto.

Natalia Lach Lachowicz (LL) nasce nel 1937 in Polonia a Zywiec, dove vive e lavora, e compie i suoi studi presso la State High School of Fine Arts di Wroclaw. Considerata una tra le migliori artiste polacche, oltre che una tra le più importanti femministe del mondo, da oltre quarant'anni ha all'attivo opere – ritenute storiche – che includono dipinti, disegni, fotografie, installazioni, sculture, performance e video arte. Esponente di primo piano della Body Art, le sue opere sono state esposte in importanti mostre d'arte in Polonia e all'estero con alcune tra le più importanti body artists e performers del panorama internazionale, in contesti come la Biennale di Parigi, la Biennale Internazionale d’Arte di San Paolo e il Centre Georges Pompidou di Parigi.

Ruben Montini, nato a Oristano nel 1986, vive e lavora a Berlino. Dopo gli studi al Central Saint Martin’s
College of Art & Design di Londra e, precedentemente, all’Accademia di Belle Arti di Venezia e alla Manchester Metropolitan University, ha partecipato a diverse mostre collettive e personali in Italia e all’estero, in istituzioni pubbliche e gallerie private. Protagonista attivo del suo lavoro, guarda alla storia della performance con particolare attenzione per il linguaggio sviluppato da alcune artiste femministe, affrontando temi urgenti legati alla comunità queer e LGBT e argomenti fortemente incisivi della politica e della geografia europea contemporanea.

Ilaria Piccardi, nata ad Alessandria nel 1992, vive e lavora a Milano dove si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera e ha studiato fotografia con l’artista Alessandra Spranzi. Fotografa di grande forza e sensibilità, è ancora alle prime esperienze espositive ma ha già ricevuto apprezzamenti e attestazioni, tra cui la recente "menzione speciale giovane talento" all’edizione 2013 del premio Art Gallery a Milano.

Gruppo Sędzia Główny (Giudice Supremo) è il duo di artiste polacche composto da Karolina Wiktor, nata a Konin nel 1979 e Aleksandra Kubiak, nata a Luban nel 1978. Dopo aver studiato entrambe al Dipartimento di Arte dell'Università di Zielona Gora, dove hanno sperimentato individualmente le loro prime performance, dal 2001 lavorano assieme, unite da una comune visione della realtà e da una corrispondenza emotiva simbiotica. Nelle loro performance sovvertono i luoghi comuni e mettono a nudo i cliché culturali del femminile e della sessualità, esibendosi in azioni al limite della resistenza fisica fino ad arrivare a mettere a rischio la loro stessa incolumità. Il lavoro del duo, scioltosi al termine della loro relazione sentimentale, è oggi conservato in importanti istituzioni tra cui il Museo d'arte contemporanea di Lodz in
Polonia.

Veniteci a trovare
il 19 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: