Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Cosa da niente - Il fascino discreto degli oggetti

Modena MO, Italia
Google+

"Cosa da niente - Il fascino discreto degli oggetti" è il nome della mostra allestita a Modena e visitabile fino al 24 febbraio 2013.

Oggetti di vita quotidiana che testimoniano il passaggio tra Ottocento e Novecento, epoca d'oro di queste piccole immagini, al Museo della Figurina di Modena. Figurine che, senza volerlo, restituiscono mode e costumi di un secolo fa: abiti e accessori, come cilindri e pagliette, colletti inamidati e corsetti, monocoli, lorgnette e pince-nez, bastoni da passeggio e parasole.

Alcune figurine più di altre catapultano lo spettatore in epoche passate, dando conto della quotidianità vissuta nelle case o a passeggio per la città. Ambienti popolati di cose cambiate negli anni, diventate fuori moda, tanto da non essere, a volte, nemmeno più riconoscibili.

La mostra Cose da niente racconta la storia di questi oggetti divenuti obsoleti, ma che hanno avuto grande peso nella vita delle persone, come il cono dello zucchero - da cui il colore 'carta da zucchero' -, il macinino e la cuccumella, il vaso da notte, il tabacco da fiuto, i sali d'ammonio e il biberon 'assassino'.

Cose quasi 'da niente', al pari delle figurine, ma capaci di evocare emozioni ed atmosfere e ormai degne di far parte di collezioni pubbliche e private. Le 200 figurine e materiali affini come bolli chiudilettera, giornalini per ragazzi e calendarietti da barbiere, sono affiancate dagli oggetti reali, in esse raffigurati: grazie ai prestiti di collezionisti, appassionati e del Museo Civico d'Arte di Modena, le figurine prendono corpo, diventano tridimensionali e 'abitano', a tutto tondo, la casa della mostra.

Veniteci a trovare
dal 31 gennaio al 24 febbraio 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: