Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione di "Io ero l'Africa" di Roberta Lepri

Serravalle di Vittorio Veneto Vittorio Veneto TV, Italia
Google+

Nell’immediato dopoguerra, fino alla fine degli anni Cinquanta, migliaia di italiani emigrarono in cerca di lavoro sia nei paesi europei che nel resto del mondo, in particolare Stati Uniti, Australia e Argentina. Una parte di questi andarono anche in Africa, in quello che allora si chiamava Congo Belga, in Sudafrica e in Somalia. Il romanzo di Roberta Lepri “Io ero l’Africa”, edito da Avagliano, porta una testimonianza a riguardo, pescando dalla sua storia famigliare. I suoi nonni, di origine umbra, emigrarono infatti in Somalia, così come tanti altri umbri.

Nel romanzo della Lepri abbiamo una bambina, Bianca, che è molto incuriosita dall’avventura vissuta dai nonni, tornati nel frattempo in Italia, e li interroga appena può, una volta rivolgendosi al nonno, un’altra alla nonna, ricevendo da entrambi porzioni di verità e giudizi diversi. Il nonno, Teo, è un vecchio contadino in mezzadria che non riuscendo più con la sola terra a mantenere i suoi quattro figli, decide di partire per la Somalia portandosi dietro la moglie, Angela, avendo l’opportunità di coltivare un pezzo di terra tutto suo. Era l’anno 1954, e se ne andarono lasciando i figli ormai grandicelli in Italia, Dante per finire le scuole superiori, Lorenzo al secondo anno di ginnasio, Tito alle medie, ed Elsa, l’ultima, le cui vite – insieme a quelle di altri personaggi, come il fratello vescovo di Angela – s’inseriscono nel racconto, trasformandosi così in una sorta di piccola saga famigliare. Dove, però, è chiaro che i protagonisti, imbeccati da Bianca, sono i nonni e, soprattutto, l’Africa.


E’ un libro, questo della Lepri, scritto con eleganza e sensibilità, oltre che con una professionalità che permette, con pochi tratti, di far partecipare il lettore a un’avventura, che per essere frutto di una necessità di pura sopravvivenza, porta le stimmate di una testimonianza, di una memoria, più che quella di una evasione dalla realtà.(recensione di ClubDante).

L'incontro sarà presentato da Gianluca Meis e Arabella Bertola

Veniteci a trovare
il 12 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: