Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Spettacolo Traviata

Pisa PI, Italia
Google+

Un vortice di emozioni e passioni per Traviata con la compagnia Artemis Danza. Coreografia di Monica Casadei ispirata al celebre titolo verdiano.

Una speciale promozione per gli abbonati alla Stagione Lirica e per i possessori di biglietto de “Le Nozze di Figaro”con lo sconto del 50% sul prezzo intero del biglietto

Il previsto incontro con la coreografa preannunciato per martedì 29 gennaio non avrà luogo per soppraggiunti imprevisti organizzativi.

Al Teatro Verdi mercoledì 30 gennaio alle ore 21.

Protagonista del secondo appuntamento della Rassegna di Danza 2013 al Teatro Verdi, mercoledì 30 gennaio ore 21, sarà TRAVIATA (creazione 2011 per 11 danzatori), primo capitolo di uno straordinario progetto firmato da Monica Casadei, che già più volte si è confrontata con la grande tradizione lirico-operistica, dedicato al celebre maestro Giuseppe Verdi, proponendosi di tradurre nel linguaggio della danza alcuni melodrammi del più amato compositore italiano.

A sei anni di distanza da Brasil Pass, ritorna la coreografa Casadei con la sua Compagnia Artemis Danza, restituendoci una Traviata letta dal punto di vista di Violetta, che, slegata dal contesto storico e narrativo ottocentesco, acquista una dimensione universale ed emblematica. Violetta è una e tante: al centro di una società maschilista la protagonista è moltiplicata in tanti elementi femminili, in tanti spaccati di cuore. Dell'opera verdiana vengono conservati i cori, le arie di Violetta e i duetti di Germont padre, mentre sono eliminati quasi del tutto le parti musicali di Alfredo. La ripetizione ciclica e sovrapposta delle voci esclamanti- "Addio, addio!", "È tardi! è tardi!" "Amami Alfredo!"- danno forma al dramma, che si chiude con un urlo di disperazione, un grido di solitudine, con quell’"Amami Alfredo" in cui si contorce disperandosi la Violetta in scena, che dal bianco dell’abito iniziale langue nel rosso vestito del suo dolore.

La storia di Violetta si allarga quindi a un profondo discorso intorno alla femminilità sulle celeberrime musiche del compositore di Busseto. Un imprevedibile corpo a corpo, dove i corpi degli undici danzatori- Vittorio Colella, Melissa Cosseta, Gloria Dorliguzzo, Chiara Montalbani, Gioia Maria Morisco, Sara Muccioli, Camilla Negri, Stefano Roveda, Francesca Ruggerini, Emanuele Serrecchia, Vilma Trevisan- divengono strumenti che traducono, esaltano e trasformano la potenza evocativa dell’opera e della musica verdiana, catalizzando, come un “parafulmine”, la passion

Veniteci a trovare
il 30 gennaio 2013

Info

meucci@teatrodipisa.pi.it
050-941111

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: