Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Ubbikaai - II appuntamento di Bagnanti allo Sbaraglio

bagni pubblici via Agliè 9 , Torino, Italia
Google+

BAGNANTI ALLO SBARAGLIO II edizione 2014
II appuntamento dellla rassegna semi seria di teatro e musica
Ai bagni pubblici di via Agliè! E ospitiamo....
UBBIKAAI, Regia Enrico Gentina.
In scena Monica Prato, Dario Muratore,Marco Pollarolo.
L'assistenza alla regia, alla scrittura e la comunicazione del progetto sono di Mariachiara Tarantello.
Produzione Municipale Teatro
Costumi Mariuccia e Tino

Ubbikaai è il sostantivo che in Wolof indica la parola ed è quindi parola, racconto, narrazione. È il “materiale” della tradizione orale africana, quello di cui i griots sono i massimi esperti e garanti.
Un’attrice narratrice e un cantore musicista portano il pubblico (bambini e non) in uno spettacolo coinvolgente e non ordinario. Si ride, ci si emoziona, si seguono storie, condotti dai protagonisti attraverso la musica, il canto, la filastrocca, il mimo e la recitazione.
L’idea di Ubbikaai è nata dopo anni di ricerca da parte di tutti i suoi interpreti nel campo della narrativa popolare e tradizionale. Le diverse culture da sempre si confrontano sulla “storia” il “racconto” “la fiaba”, la narrazione come riflessione, a volte gradevole e altre volte amara, sulla condizione umana. Ciò che ha portato all’ideazione di questo spettacolo è proprio il bisogno atavico di narrare e ascoltare, comune a tutti gli esseri umani. Da qui la scelta di raccontare storie provenienti da diverse parti del mondo, dalla tradizione orientale a quella africana, alla fiaba popolare, che i protagonisti del progetto hanno raccolto, drammatizzato in un’antologia che viene attualizzata nella messa in scena. Un esilarante canovaccio trasporta il pubblico (bambini ed adulti) in un viaggio in cui i messaggi, i contenuti delle tante storie si intrecciano e assumono forme differenti.

Veniteci a trovare
il 10 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: