Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

VITELIÚ - IL NOME DELLA LIBERTÀ

Auditorium Petruzzi via delle caserme, Pescara PE, Italia
Google+

VITELIÚ - IL NOME DELLA LIBERTÀ

Presentazione del romanzo storico di Nicola Mastronardi e conferenza sugli italici a cura del prof. Adriano La Regina

Venerdì 11 aprile 2014 - ore 18:00
Auditorium "L. Petruzzi"
Via delle Caserme, 60 - Pescara

-----------------------------------------------
Introducono
Ermanno de Pompeis
Direttore del Museo delle Genti d'Abruzzo

Francesco Tentarelli
Soprintendente ai beni librari e biblioteche d'Abruzzo

Giulio De Collibus
Presidente Archeoclub di Pescara


Presentazione di
Adriano La Regina
Presidente dell'Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte

Interverrà l'autore
Nicola Mastronardi
-----------------------------------------------

Viteliú - Il nome della libertà è il Romanzo Storico d'esordio di Nicola Mastronardi, scrittore e giornalista di Agnone (IS), Accademico dei Georgofili e studioso delle civiltà pastorali appenniniche, per metà molisano e per metà marsicano (la famiglia materna è di Avezzano).

Pubblicato alla fine del 2012, il libro porta un titolo importante. “Viteliú” è infatti la parola osca originaria del termine latino“Italia”. Si tratta di un viaggio nel mondo nascosto dei popoli Italici: i Sanniti, i Marsi, i Peligni, i Piceni e le altre valorose genti dell'Appennino centrale che tra il 91 e l'89 a.C. si batterono per ottenere i propri diritti unendosi in una Federazione - Viteliú appunto - che prima intese affrancarsi dalla prepotenza romana quindi, dopo una guerra sanguinosissima, si fuse in essa contribuendo a costruire le fondamenta dell'Impero di Cesare Augusto. Tra le valli e i monti della Marsica, la Conca Peligna, e l'Alto Sannio, il lettore prova la sensazione di vivere un viaggio nella sua terra e nella sua storia profonda, dal quale si rivela l'origine di una Nazione, l'essenza dell'identità che, nata sull' Appennino, ha attraversato i secoli. Si svela la Prima Italia.

Nicola Mastronardi, 53 anni, giornalista, saggista. Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze – Indirizzo Storico-Internazionale. Membro dell'Accademia dei Georgofili, è studioso delle civiltà semi nomadi dell'Appennino italiano e del Mediterraneo. Da venti anni alterna la libera professione nel campo dei reportages di turismo escursionistico, agli interessi di storia antica (sannita) e contemporanea. Addetto stampa di istituzioni e ambienti politici italiani, ha collaborato, tra le altre, con testate come La Repubblica, Il Sabato, Il Tempo, riviste del gruppo QN-Quotidiani Nazionali e trasmissioni televisive della Rai Radiotelevisione Italiana. Dal 2003 al 2010 è stato consulente di Linea Verde Orizzonti, Rai Uno. Cultore di Storia del Giornalismo e Storia Contemporanea presso il Corso di laurea in Scienze Politiche dell' Università degli Studi del Molise, nel 2011 ha pubblicato “Gheddafi, la rivoluzione tradita” ( Mimesis Edizioni, Mi). Noti i suoi saggi sul sistema tratturale dell'Appennino italiano e il volume “I Giganti verdi – Immagini e suggestioni sui tratturi del Molise” (Volturnia Ed., 2006)

Veniteci a trovare
il 11 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: