Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

#MoltoPiùDi194

Colonne di San Lorenzo Corso di Porta Ticinese, 39, Milano, Italia
Google+

#MoltoPiùDi194
H.15 Colonne di S.Lorenzo

Il 12 aprile a milano ci sarà il corteo del comitato NO-194, gruppo di estremisti cattolici fanatici che vogliono abolire la legge 194, che regola il diritto all'aborto. Inoltre sono contrari all'eutanasia, alla sessualità libera e non riproduttiva e all'omosessualità, ma difendono come unico modello di famiglia quello tradizionale, composta solo da uomo e donna uniti nel sacro vincolo del matrimonio.
La legge 194 viene già svuotata di gran parte del suo senso dall'altissimo tasso di obiettori di coscienza, che rendono difficilissimo abortire. Basti pensare che in Lombardia il 68% dei ginecologi, il 50% degli anestesisti e il 40% del restante personale sanitario si dichiara obiettore.
Rendere illegale l'aborto non significa cancellarlo.
Le donne hanno sempre saputo come interrompere gravidanze indesiderate, la legge ha permesso che gli aborti venissero fatti in condizioni di sicurezza, inoltre, prevedendo un lavoro di prevenzione, con la legalizzazione il numero di aborti è sensibilmente calato. Abolire questa legge significa che le donne che se lo potranno permettere andranno ad abortire all'estero, mentre tutte le altre ricorreranno a mezzi clandestini che mettono a rischio la loro salute e la loro vita.
Questi sono attacchi alla nostra autodeterminazione: cioè la libertà di ognuna e ognuno di decidere consapevolmente del proprio corpo, della propria sessualità e della propria vita. Non devono essere morale, stato e religione a decidere per noi.
Noi vogliamo invece che tutti e tutte abbiano le conoscenze, i mezzi e le strutture per praticare una sessualità consapevole e sana, che sia libera dai rischi delle malattie sessualmente trasmissibili e da gravidanze indesiderate.
Noi vogliamo godere, esplorando tutte le potenzialità del nostro corpo e scoprendo ogni sfumatura del piacere. Vogliamo consultori laici aperti 24H, vogliamo gli anti-abortisti fuori da scuole-ospedali-farmacie, vogliamo contraccettivi gratuiti, vogliamo lubrificanti di prima qualità: per i nostri corpi, decidiamo noi.
il 12 aprile sarà l'occasione di far valere il nostro diritto all'autodeterminazione, ci riuniremo tutte e tutti in piazza e la riempiremo con musica, spettacoli teatrali e controinformazione!
appuntamento in colonne di san lorenzo alle 15.00

------------------------------------------------------------------------

Este sabado 12 de abril en Milan tendrà lugar la marcha del grupo de fanaticos catolicos NO-194, en oposicion a la ley 194, que regula el derecho a abortar.
Este grupo està también en contra de la eutanasia, de la expresion de una sexualidad libre y no reproductiva y de la homosexualidad, por ultimo defendiendo a la familia tradicional, compuesta por una pareja heterosexual que estè casada en la iglesia segun ceremonia religiosa, como unico modelo posible en nuestra sociedad.
La ley 194 desde su aplicacion hacia adelante ya ha perdido mucho de su sentido, debido al alto porcentaje de medic@s y personal sanitario que ejercen objecion de conciencia, haciendo la posibilidad de abortar de manera libre y segura siempre mas dificil para las mujeres.
Sólo en Lombardia el 68% de l@s ginecolog@s, el 50% de l@s anestesistas y el 40% del personal sanitario ha declarado ser objector/a.
Intentar que el aborto se convierta en una practica ilegal no significa borrarlo de la sociedad.
Las mujeres siempre hemos sabido como interrumpir embarazos no deseados, la ley solo ha permitido que los abortos se hicieran de manera segura para nuestra salud, haciendo ademas posible la difusion de medidas de prevencion: con su legalizacion el numero de abortos ha disminuido de manera evidente.
Abolir a esta ley significa que las mujeres que tienen la posibilidad economica para hacerlo se iràn a abortar al extranjero y para las demàs solo quedaràn medidas clandestinas que las ponen delante de riesgos para su salud y su vida.
Todo esto es un ataque a nuestra autodeterminacion, es decir la libertad de cada una y cada uno de decidir de manera consciente sobre su cuerpo, su sexualidad y su propria vida.
Sobre nosotr@s no tienen que decidir ni el estado, ni la moral, ni ninguna religion.
Por otro lado queremos que tod@s tengan conociencia, los medios y las estructuras para vivir su sexualidad conscientemente, de manera libre del riesgo de las enfermedades sexualmente transmisibles y de embarazos no deseados.
Queremos disfrutar de nuestros cuerpos, experimentar el placer descubriendo libremente y sin verguenza todas sus facetas.
Queremos consultorios laicos abiertos 24H, queremos l@s anti-abortistas fuera de hospitales, escuelas, farmacias, queremos anticonceptivos gratuitos, lubricantes de calidad: sobre nuestros cuerpos nosotr@s decidimos!
El 12 de abril serà el dia de la autodeterminacion, nos reuniremos tod@s en la plaza de S. Lorenzo en Milan, con musica, espectaculos teatrales y contrainformacion!

Veniteci a trovare
il 12 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: