Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

\\IN GINOCCHIO - Storie di Mafia//

OPEN SOURCE BISCEGLIE Via Ruvo, 127, Bisceglie BT, Italia
Google+

Open Source è lieta di presentarvi "IN GINOCCHIO", Spettacolo teatrale su mafia e mafiosità, scritto ed interpretato da Luca Privitera e Elena Ferretti.
Regia: Sergio Lo Verde - UltimoTeatro Produzioni Incivili (2013)

Sinossi:
Le credenze! La morte! La povertà! Il rancore! La santità! La ricchezza!
La crudeltà! Il sangue! La quotidianità! L’abbandono! Un uomo ed una donna, la loro storia.
Lui sconta il 41 bis, è un killer di mafiosi perché ha deciso di farsi giustizia da solo. Dialoga con la sua rabbia deridendo le follie e le assurdità che portano molte persone a diventare mafiose, a sfruttare il proprio potere e la propria posizione di privilegio per ingannare il prossimo. Oramai stanco di quello che succedeva intorno a lui, nella sua terra, tra la sua gente, invece di migrare come in molti decide di fare piazza pulita intorno a se. Fa parte del popolo, probabilmente un mafioso inconsapevole.
Lei sconta il 416 bis ed è una delle tante mogli della mafia, parla della mafiosità, del sistema mafioso, della famiglia, dei codici d’onore. Interroga il mondo ma soprattutto se stessa sulla perdita di ogni senso e di umanità. Non è una pentita, anche se potrebbe sembrare. E’ un’illusa, una fragilità ingenua catturata dal concetto dei robinhood, dagli eroi, del sud malfamato ed ignorante dove si ruba ad i ricchi e si pensa alla salvazione dei poveri. Una donna semplice, in un certo senso ricca.
Entrambe chiusi in una cella, dialogano con un’ipotetico giudice. Un intreccio di due storie che vanno di pari passo sino a diventare un’unica storia. La storia di due dimenticati a cui è stato rubato tutto, anche la dignità. Dove la vita ha insegnato loro cos’è la vendetta.

\\SERGIO LO VERDE//
Lavora da più di trent’anni nei quartieri a rischio di Palermo, attraverso il teatro di strada e le arti circensi, con l’associazione Acuna Matata ed il progetto Tavola Tonda. Ha collaborato con Pepe Robledo (Compagnia Pippo del Bono), Jerzy Grotowski, Eugenio Barba, Mimmo Cuticchio, Wolf Gaudlitz, Roberta Torre. Attualmente conduce il progetto di teatro-forum “vedo, sento, parlo” ed è co-gestore del Progetto di Sviluppo “Mandarinarte” all’interno del podere confiscato alla famiglia Greco a Ciaculli.

\\BREVI NOTIZIE SULLA COMPAGNIA//
Nato nel 1999 UltimoTeatro Produzioni Incivili, sperimenta le varie forme della messa in scena attraverso la Denuncia, l’Impegno Civile, le Campagne di Sensibilizzazione Popolare. Un unione di emisferi sensibili senza luogo e senza tempo. Figure non neutre che si sviluppano in divenire.
Dissacranti e provocatori si adoperano attraverso le arti performative per sviluppare il migliore dei mondi possibili. Parlano dei dimenticati, rispecchiando il loro essere tutto, ma soprattutto il loro essere niente. Principalemente si occupano di Nuova Drammaturgia del Contemporaneo. E' un gruppo informale, non legalmente costituito. Attualmente composto da Luca Privitera ed Elena Ferretti che vivono a Montecatini Terme.


INGRESSO CON CONTRIBUTO
RISERVATO AI POSSESSORI DI TESSERA ARCI

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: