Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Salvatore, favola triste in scena

Napoli, Italia
Google+

Nella Sala Assoli di Napoli dal 5 al 10 marzo 2013 vi attende, sul palcoscenico, una favola triste, 'Salvatore', per voce sola di Silvio Laviano.

'Salvatore' è una “favola” divisa in cinque quadri, che racconta la vita del protagonista dalla nascita fino al giorno del suo trentesimo compleanno.

Salvatore è la storia di un viaggio: il punto di partenza è un grembo materno, il punto d’arrivo un non luogo, dove convivono la follia, il ricordo e la febbre. L’uso del dialetto catanese rappresenta l’unico mezzo espressivo dell’emozione. Il racconto, in prima persona, narrato in lingua italiana, detta i tempi dell’azione e crea il mondo del ricordo e del particolare. 

Le ombre/personaggi accompagnano la vita del protagonista, dal giorno della sua nascita fino al giorno del suo trentesimo compleanno, in un vortice senza sosta.

Salvatore è un racconto diviso in cinque quadri che rivive le atmosfere di una Catania, specchio di un mondo legato alle tradizioni religiose, ai sacri riti profani, al senso della famiglia, degli amici e degli amori, ma anche specchio di un mondo facilmente modificabile da una nuova “civiltà” dei consumi, ricca di nuovi idoli e priva di ogni passato.

I contorni di questo mondo, così come i personaggi immersi in un mondo quasi da favola, sono tracciati inizialmente con toni leggeri, per divenire, poi, grotteschi, e discendono verso le zone oscure di una realtà che, schiacciando possibilità e desideri, conduce a nevrosi che rasentano la follia, rischiando di deviarci dai nostri sogni e trasformando questi in incubi.

Inizio delle rappresentazioni ore 20.30 (feriali), ore 18.00 (domenica).

Informazioni e prenotazioni ai contatti indicati.

Veniteci a trovare
dal 5 al 10 marzo 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: