Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sul Lago Maggiore, un mare di Camelie

Stresa VB, Italia
Google+

Presso il giardino storico botanico 'Borromeo' dell’Isola Madre del Lago Maggiore, esplode la fioritura di Camelie dalla fine di marzo fino a tutto il mese di aprile.

Nella sola Isola Madre sono presenti più di 100 varietà di Camelie, nella stragrande maggioranza antiche, alcune delle quali hanno ormai quasi 200 anni.

Sono quasi oggetto di venerazione per i molti cultori delle Camelie, la Mitronesson Vera, la Hagoromo una delle più antiche varietà del Giappone, il cui nome significa “abito di piume”.

La passione dei Borromeo per le Camelie, generazione dopo generazione, è continuata e così i visitatori potranno ammirare le prime fioriture delle ultime specie messe a dimora, ovvero le C. Cuspidata, C. Saluensis C. Salicifoglia e C. Transnokoensis oltre alle varietà introdotte negli ultimi anni per arricchire la collezione.

Una passione, quella della Famiglia per le Camelie, che risale a Giberto V Borromeo e a suo figlio Vitaliano IX Borromeo che assieme ai vivaisti e giardinieri Giuseppe e Renato Rovelli, introdussero svariate camelie nel giardino dell’Isola.
Era il 1828 e fu il primo luogo nel nord Italia ad ospitare questa “nuova” affascinante pianta. Furono così messe a dimora numerosissime cultivar come la C. japonica Alba Plena, la C. japonica Montironi, la C. japonica Incarnata, e tantissime altre ancora. Venne anche avviato il lavoro di selezione di nuovi ibridi e cultivar ancor oggi considerati il simbolo del florovivaismo del lago Maggiore, come la C. japonica Gloria delle Isole Borromee, la C. japonica Lavinia Maggi e la C. japonica Gloria del Verbano.

Dopo anni di lavoro arrivarono a selezionare circa 500 varietà che riempivano l’isola per ogni dove, tanto che l’Isola Madre veniva definita come “l’isola delle camelie”. La collezione è stata poi ulteriormente ampliata introducendo anche le C. reticulata, la C. sinensis (Camelia del The), la C. sasanqua, la C. Granthamiana. Trattandosi di un giardino con una lunga storia alcuni esemplari hanno assunto le dimensioni di alberi.

Le piantine collocate a dimora in quel lontano 1828 tra la curiosità di tutti, hanno creato una moda tanto che oggi le camelie, che restano la prima e più raffinata fioritura primaverile del giardino dell’Isola Madre, hanno “colonizzato” l’intero Lago Maggiore, dove vi è la massima concentrazione europea di camelie.

Veniteci a trovare
dal 25 marzo al 30 aprile 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: