Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Manzù in mostra: Opere Grafiche - Anni 40

Ardea RM, Italia
Google+

Sabato 9 marzo 2013, ad Ardea arriva l'evento: "Manzù. Opere grafiche - Anni quaranta".

Nell’ordine di continuare a proporre approfondimenti di studio non solo su singole opere di scultura della Raccolta Manzù – le “Opere del Mese”- ma anche sulla sua numerosissima produzione grafica, si propone per sabato 9 marzo un primo incontro dedicato a disegni e incisioni che vanno dalla “preistoria” dell’artista agli anni quaranta.

Fin dagli esordi giovanili infatti la grafica di Manzù, forse più che l’opera scultorea, indica chiaramente come da subito alcune precise tematiche- La bambina sulla sedia, pittore e modella, i cardinali- siano destinate a rappresentare punti fermi oltre che ricorrenti nell’intero arco della sua produzione artistica.

Partendo dalle prime acquafortiacqueforti e puntasecca del 1929-30 è possibile seguire la sbalorditiva evoluzione grafica dello scultore, che già a metà decennio risulta perfettamente padrone di stile e tecnica, come appare nella serie di incisioni dedicate al ricordato tema di “pittore e modella”, in cui ormai il linguaggio è quello del Manzù “classico”, “oltre”Medardo Rosso; di particolare importanza per il collegamento tra l’artista bergamasco e il territorio della patria di elezione, il Lazio virgiliano, risulta poi l’esame delle acquaforti dedicate da Manzù all’illustrazione delle Georgiche (1946-47), ciclo in cui si rivela il profondo senso di continuità - caratterizzante  tutta l’opera successiva - nei confronti del mito e di un’antichità remota riproposta con elegiaca virgiliana malinconia.  

Veniteci a trovare
il 9 marzo 2013

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: