Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Con arido amore, Piero Gobetti [Castel Gandolfo, Sala Petrolini - via Prati 6]

Castel Gandolfo Castel Gandolfo RM, Italia
Google+

Torino, Gennaio 2011.

Nicola Bologna, 49 anni, insegnante precario di Storia e Letteratura in un istituto alberghiero, segue con preoccupazione le vicende del referendum sul’accordo Fiat – Mirafiori. Alla vittoria del sì, deluso e indignato, decide di scrivere una lezione per i suoi studenti sull’intellettuale antifascista che più di ottant’anni prima aveva creduto di scorgere proprio nella classe operaia la forza capace di una vera rivoluzione liberale: Piero Gobetti. Dopo essere stato colpito alla testa durante la manifestazione dello sciopero generale dei lavoratori, Nicola perde la memoria e si convince di essere Piero Gobetti, tornato in vita per pura indignazione.

Stordito e dolorante, si rifugia in un ipermercato. Le voci del passato e quelle del presente si confondono. Quella di Benito Mussolini, che detta il telegramma in cui ordina la persecuzione di Piero Gobetti, quella degli operai dello stabilimento Fiat – Mirafiori, intervistati all’uscita della fabbrica, subito dopo aver votato il referendum-ricatto. I clienti del supermercato diventano un auditorio selezionato per un noviziato morale e pratico volto alla costruzione di una nuova classe dirigente, il sorvegliante dell’ipermercato assume le sembianze di un picchiatore fascista che gli dà la caccia.

Mentre gli italiani continuano a fallire il loro esame di serietà moderna, accompagnato dalla voce della donna che detta i jingle pubblicitari dell’ipermercato, voce perennemente fraintesa che si trasforma prima in quella del prefetto che ordina la cessazione dell’attività della rivista La rivoluzione Liberale e poi in quella appassionata di Ada Prospero, che dice addio al marito, Gobetti traccia il ritratto amaro di un paese che non è ancora una nazione.

Formidabile organizzatore di cultura, come lo definiva Antonio Gramsci, o meglio, storico del presente, come si definiva lui stesso, ma anche scrittore, ostinato antifascista, editore, critico teatrale, italiano liberale e intransigente, morto a Parigi a soli 25 anni per i postumi dell'aggressione fascista di cui era stato vittima pochi mesi prima a Torino, Gobetti torna in vita ai giorni nostri, per pura indignazione. Lo fa nel momento in cui i lavoratori sono messi in ginocchio, faccia nella polvere, nessun diritto, nessun potere contrattuale, spinti dalla paura di perdere tutto a mettersi gli uni contro gli altri. lo fa nei panni di un poveraccio, un insegnante, che ha perso, oltre alla memoria, il diritto di indignasi, e lo ritrova solo perdendo la consapevolezza di sé.

Nello spazio ridicolo di una pièce teatrale, che di certo non gli sarebbe piaciuta e che forse avrebbe omaggiato di una delle sue formidabili stroncature, Gobetti ascolta ancora una volta le voci che provengono dalle fabbriche e traccia un ritratto urgente del fascismo e delle forme del trasformismo politico italiano. Parla agli Italiani, con passione profonda che è diventata abitudine, senza enfasi, senza facili ottimismi, con arido amore, con le parole di chi si aspetta un lavoro solitario, a lunga scadenza. Non rinuncia, però, a brindare alla rivoluzione liberale. Ancora una volta non è alla ricerca di un pubblico, ma di collaboratori.


"Con arido amore, Piero Gobetti"

di Emanuela Cocco
con Claudio Di Loreto
regia di Francesca Guercio
voice over Francesca Guercio - Claudio Di Loreto
Contributi Musicali: Fabio Iannuzzi, Furia Elettrica

ven. 25 aprile ore 18,00
dom. 27 aprile ore 18,00

Sala Petrolini, via Prati 6

maps
https://maps.google.com/maps/ms?msa=0&msid=203585698591966727565.0004f2dc06e2da047e166&ie=UTF8&ll=41.747542,12.647826&spn=0,0&t=m&source=embed&dg=feature

Veniteci a trovare
dal 25 al 27 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: