Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione "Largo all’avanguardia"

ONO Arte Contemporanea Via Santa Margherita, 10 , Bologna, Italia
Google+

ONO Arte Contemporanea presenta la ristampa aggiornata di Largo all’avanguardia.
50 anni di musica rock a Bologna, alla presenza del curatore del volume Oderso Rubini in conversazione con gli autori Gianni Gherardi, Lucio Mazzi, Pierfrancesco Pacoda, Michele Pompei, Andrea Tinti e Angela Zocco, moderati da Andrea Gozza di Radio Città Fujiko.

Sembra quasi banale dirlo, ma il rock sin dalle sue origini ha fatto parte in modo naturale della vita musicale di Bologna, e proprio perchè l’assunto “il Rock è un pensiero autonomo e il desiderio di fare della propria vita qualcosa che sta dentro le proprie passioni”, e perchè la musica si coniuga in maniera quasi speculare con l’humus di questa città, era necessario rendere merito con questo libro alle tantissime persone, ‘indigene’ e non, che hanno dato e danno forma e sostanza a questa realtà. E non solo alle pesrsone, ma anche ai luoghi, alle situazioni e alle esperienze che hanno fatto di Bologna l'indiscussa capitale del rock in Italia.
Non è pertanto una sorpresa che la prima tiratura di Largo all’avanguardia. 50 anni di musica rock a Bologna sia andata esaurita e che oggi una nuova e ampliata edizione sia sugli scaffali delle librerire non solo bolognesi.

Oggi che Bologna, assieme a Glagow, Siviglia e Gent, è città della musica UNESCO, e che grazie alle nuove tecnologie la città non è più solamente ‘la nostra città’, ma è diventata il mondo, raccontarne la storia, sempre in divenire, significa sedimentarne la memoria e in qualche modo amplificare questo spirito innovativo che ci ha sempre caratterizzato. Pubblicato dalla Sonicrocket, il monumentale volume curato da Oderso Rubini e compilato da Gianni Gherardi, Lucio Mazzi, Pierfrancesco Pacoda, Michele Pompei, Andrea Tinti e Angela Zocco, arriva a colmare un grande vuoto nella saggistica musicale locale e nazionale. Le sue 432 pagine, le oltre 1500 fotografie, edite ed inedite, le decine di schede dedicate a gruppi e musicisti, le interviste, gli indici e la sua incandescente e ricchissima veste grafica, rappresentano la volontà di ricostruire, insieme a 50 anni di storia sonora della città, anche quella della stessa Bologna, attraverso interviste, testimonianze, approfondimenti che rendono questo racconto ancora più completo ed avvincente.

Dai dancing ai centri sociali, dai Golden Rock Boys ai Massimo Volume, dal primo rock and roll, all'elettronica più estrema, 'Largo all'avanguardia' attraversando con ritmo incalzante più di cinque decenni di grandi eventi, è l'appassionante e caleidoscopico ritratto di una città-laboratorio, fucina di talenti e idee che hanno alimentato il grande mercato discografico e generato i primi modelli di circuiti ed etichette indipendenti. Il concerto dei Clash in piazza Maggiore, la delirante notte di Bologna Rock al palazzetto dello sport, la stagione delle occupazioni e quella degli sgomberi, la Traumfabrik di via Clavature, la Love Parade, l'epica rissa tra i fans dei Judas e quelli dei Jaguars, la "precipitosa" chiusura di Radio Alice: sono queste solo alcune delle incursioni nella cronaca di un cinquantennio di musica, che il libro (ispirato dal volume Bologna la Rock, pubblicato da Lucio Mazzi e Roberto Gandolfi nel 1991) offre agli occhi del lettore. Largo all'avanguardia parte dal rock and roll per esplorare le sue successive ramificazioni: blues,funk, metal, progressive, punk, new wave, elettronica, hardcore, hip hop, reggae, canzone d'autore,indie-rock, jazz-rock, avanguardie, musica etnica e finanche musica bandistica si fondono in un unico, grande crogiolo che, dalla fine degli anni cinquanta ad oggi, non ha mai cessato la sua febbrile attività.

Nell'occasione saranno esposte fotografie tratte dal libro e proiettati video e filmati storici.

A seguire selezione musicale a cura di: Suz, Elisa Satta e We have sinned crew.

Veniteci a trovare
il 17 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: