Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Civediamoaldìperdì // Party!!!

Altrove - Teatro della Maddalena Piazzetta Cambiaso 1, Genova, Italia
Google+

Civediamoaldìperdì torna a Genova al bellissimo Altrove - Teatro della Maddalena per festeggiare la trentesima replica e il debutto del nuovo spettacolo "Amami, baciami, amami, sposami" l'8 maggio al Teatro della Tosse.
Per l'occasione, i fortunati spettatori assisteranno alla versione Party!, che coinvolgerà amici del GTC in incursioni all'interno dello spettacolo.

Di Elisabetta Granara, Chiara Valdambrini, Roberta Testino
con Sara Allevi, Elisabetta Granara, Elisa Occhini
Regia Elisabetta Granara
Scenografia e costumi Elisabetta Granara
Musiche Musica da cucina

Con la collaborazione del Teatro dell’Ortica (Genova)
Una produzione il Gruppo di Teatro Campestre 2012-13
Vincitore Bando Play With Food III – Torino
Vincitore del Concorso Teatropianeta – Siena
Finalista Premio Scintille 2012

Da un giorno all’altro il DìperDì, catena di supermercati che deteneva l’egemonia nel centro storico di Genova, ha cambiato colore e preso un nome francese: ora si chiama Carrefour, ma sembra che pochi abbiano percepito il cambiamento.
B, C e R, sono tre ragazze precarie e aiuto cuoco al ristorante Besame Mucho. Le spiamo in una serata di lavoro normale, che tanto normale non è, perché R quella sera, a causa della mancanza del burro, scopre la verità: il Dìperdì non esiste più. La notizia scaturisce sgomento, poi scatti d'ira, malesseri, visioni ossessive, perchè il Dìperdì è l'antidoto alla nevrosi, alla solitudine.
Le attrici in scena maneggiano pentole e stoviglie creando atmosfere sonore su un tavolo di lavoro amplificato.

// «leggero e ironico affresco delle storture che accompagnano il nostro culto del mangiare bene e le relative incongruenze. […]L’idea intrigante che presiede alla mostra scenica è quella di far corrispondere l’intenzione e il sentimento a un impianto sonoro prodotto dall’uso degli strumenti da cucina.» Simone Nebbia, Teatroecritica, marzo 2013
//«Musica, ritma, mastica parole il Gruppo di Teatro Campestre con Civediamoaldìperdì, replicato dal 16 al 18 maggio, spettacolo fresco, armonico, digeribile più degli alimenti che riempiono oggi le nostre tavole e affollano le corsie dei supermercati. Pièce culinaria, ritratto leggero di tempi e generazioni incerte, tra voci che risuonano dal passato e passi, lenti e incespicanti, verso il futuro.» Rossella Porcheddu, Il Tamburo di Kattrin, maggio 2013
//«Una educazione sentimentale in cucina ricca di riferimenti narrativi e di corrispondenze talora assai poetiche, tenuta a bada da una ironia sottile che allontana gli eventi per renderli più comprensibili, o se vogliamo, stante il contesto, più “digeribili”». Maria Dolores Pesce, Dramma.it, luglio 2013
//«Uno spettacolo ironico e colorato […]. A farla da padrone sono tre giovani attrici, preparate e divertenti, nei panni di cuoche dell’assurdo, intente a preparare un pasto indefinibile, nella cucina del Besame Mucho. Uno spunto per affrontare temi come l’alimentazione biologica e i prodotti a chilometri zero.» Davide Sannia, Krapp’s Last Post, settembre 2013
//«Uun allestimento interamente al femminile ripieno d´intelligente ironia, condotto su ritmi e gesti dal meccanismo implacabile, interpretato con una freschezza e un´adesione ai ruoli di rara efficacia. Elisa Occhini, Sara Allevi ed Elisabetta Granara [...] servono insomma una specialità ricca di misericordioso realismo e di guizzi fantasiosi […] (vedi la leggiadra apparizione d´un tutù che, al posto della gonna in tulle, ne ha una confezionata coi sacchetti della spesa) da assaporare in tutti i suoi gusti e retrogusti.
Applausi convinti, meritati.» Antonio Stefani, Il Giornale di Vicenza, dicembre 2013
// «Bello il gioco di rimando alla riconquista della gioia, tra passato e presente che fanno le brave Elisabetta Granara Elisa Occhini e Sara Allevi » Michela Pezzani, L’Arena di Verona, dicembre 2013

Veniteci a trovare
il 2 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: