Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

INDIA ON AIR | Percorsi di Musica Classica Indiana | PARTHO SAROTHY + IMRAN KHAN + RAJIB KARMAKAR

Spazio Aereo Via delle industrie 27/5, Venezia, Italia
Google+

Spazio Aereo presenta:

INDIA ON AIR | Percorsi di musica classica indiana


Giovedì17 aprile
PARTHO SAROTHY
| Sarod

Giovedì 22 maggio
IMRAN KHAN
| Sitar

Sabato 14 giugno
RAJIB KARMAKAR
| Sitar

Inizio concerti ore 21
Entrata 5 euro

Spazio Aereo si sposta in India del Nord per 3 appuntamenti da non perdere!
Cosa hanno in comune Brian Eno, Jon Hassell, La Monte Young, Terry Riley, Autechre ed il tuo gruppo IDM preferito?
Sicuramente le influenze della musica classica indiana, una delle più raffinate tradizioni orali al mondo, che hanno lasciato la loro impronta in una moltitudine di ambiti stilistici.
Sarod e sitar, gli strumenti predominanti tra i cordofoni del continente indiano, saranno i protagonisti di questa serie di concerti di Spazio Aereo dedicati alla musica indostana, accompagnati alle tabla da Stefano Grazia.

Ed ora qualche cenno per meglio entrare in questo discorso musicale, un po' distante dalle nostre abitudini di ascolto, i cui concetti sono tanto complessi e difficili da definire, tanto immediati da cogliere con l'orecchio: i musicisti seguono le regole del Raga, che struttura, organizza e governa l'approccio melodico, e dei tala, i cicli ritmici indiani che fanno un baffo a drum machine e step sequencer, esplorando da secoli con severo approccio algoritmico le infinite suddivisioni temporali della battuta.
Per quanto a primo ascolto possa sembrare monotona nel suo rifuggire da armonia, accordi e contrappunto, la musica classica indiana si schiude in tutta la sua potenza e sofisticata bellezza, non appena permettiamo al nostro orecchio di ascoltarne il suo schiudersi.

PARTHO SAROTHY
Artista di fama internazionale, è considerato come uno degli esponenti di maggior rilievo della musica classica indiana contemporanea, tra i pochi ad avere avuto il privilegio di una collaborazione storica con il leggendario Ravi Shankar, suo guru musicale, come membro permanente nel proprio ensemble musicale con il quale vennero effettuate numerose tournée in Occidente fra cui lo storico Live in Kremlin.
Musicalmente Partho Sarothy si è formato alla scuola di Dhyanesh Khan (figlio di Ali Akbar Khan) per poi successivamente entrare a partire dal 1980 tra i pochissimi allievi selezionati di Ravi Shankar, con il quale ha poi effettuato numerose tournée in Europa e Nord America. A partire dagli anni 2000 ha proseguito la propria carriera artistica come musicista indipendente e come solista esibendosi sia in India che in Europa e America riscontrando un enorme successo di critica e di pubblico. Da diversi anni suona regolarmente anche in Italia, memorabile la sua performance del giugno 2013 alla Fondazione Cini di Venezia.

IMRAN KHAN
È giovane discendente della Sikar gharana: nato nel 1983, è parte della nona generazione di musicisti della sua famiglia. Ha iniziato gli studi a 6 anni, grazie a suo nonno Ustad Gulab Khan Sabab, cantante e grande suonatore di sarangi, e suo padre Ustad Niyaz Ahmed Khan Sahab, rinomato sitarista pluripremiato dalla All India Radio di Jodhpur, Rajasthan.
In lui confluiscono anche le influenze di due zii d’eccezione: il leggendario Ustad Sultan Khan Sahab (già membro di “Dark Horse”, il progetto di Ravi Shankar e George Harrison) e Ustad Nasir Khan Sahab.
Ha già all’attivo numerose collaborazioni di altissimo livello e una lunga serie di concerti internazionali.

RAJIB KARMAKAR
Nato in una famiglia bengalese di alto livello culturale, Rajib rappresenta la terza generazione di musicisti nella sua famiglia e si sta affermato sul panorama musicale indiano come uno dei giovani artisti di maggiore rilievo. Come da tradizione ha appreso l’arte del sitar in famiglia, formandosi poi con grandi maestri tra cui Ustad Ghulam Akbar Khan della Rampur Gharana, Pt. Ramdass Chakravarty and Vidushi Krishna Chakravarty di Benares e infine Shri Supriyo Dutta della Indore Gharana. Sta ora seguendo i workshop e le lezioni del leggendario Shahid Parvez.
Ha vinto numerosi premi in Bengala e in India e ha avuto l’opportunità di effettuare tournée in Europa, dove grazie alla sua versatilità ha potuto partecipare ad alcuni progetti di fusion, quali FUZORHYTHM e LOOP SCIENCE.

STEFANO GRAZIA - Tabla
Tra i pionieri in Italia ad iniziare nello studio della musica classica indiana e della percussioni del nord India note come TABLA, inizia i suoi studi nel 1978 allievo come allievo del Maestro Pt. Sankha Chatterjee di Calcutta, continuando poi a frequentare per oltre 15 anni i corsi della Fondazione Cini di Venezia e laureandosi successivamente in Storia Orientale a indirizzo Indologico. Dal 2005 frequenta regolarmente anche il Maestro Pt. Pooran Maharaj esponente della più importante famiglia di Maestri di Tabla della scuola di Benares. Fondatore dell'Associazione MUSA (www.artemusa.it) promuove concerti di musica indiana classica e di incontri interculturali tra la musiche d'Oriente e d'Occidente. Dal 2000 a oggi ha accompagnato in oltre 100 concerti in Italia e all’estero numerosi musicisti classici indiani.

Comunicazione riservata ai soci ARCI

Veniteci a trovare
dal 17 aprile al 14 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: