Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Mostra Nature incontaminate

Milano
Google+

Si intitola “Nature incontaminate” la nuova mostra di Tommaso Chiappa, a cura di Rita Ferlisi e Mariapia Bruno.

La mostra prevede una doppia inaugurazione: la prima il 18 aprile alle ore 18.00 nell'Antica Focacceria S. Francesco (Via S. Paolo 15) a Milano; la seconda il 27 aprile alle ore 18.00 nella sede “storica” dell'Antica Focacceria S. Francesco in Via A. Paternostro 58 a Palermo. Entrambe le mostre potranno essere visitate fino al 31 maggio, negli orari di apertura dell'Antica Focacceria S. Francesco.

Un abbinamento insolito, quello tra l'arte contemporanea e l'Antica Focacceria, giocato sulla contaminazione creativa tra tradizioni gastronomiche e nuove forme d'arte.

Tommaso Chiappa, giovane artista palermitano trapiantato a Milano, si muove nell’ambito di una anti-poetica espressionista che predilige la dimensione metropolitana del paesaggio e dell’individuo. Il suo percorso artistico muove da una riflessione, tra ecologia ed etologia, sul senso e sulla collocazione fisica e mentale dell’uomo nell’incontro-scontro tra Natura e Cultura.

Già nella mostra “Cambiamento della Specie” (Firenze, 2012) l'artista si soffermava sulla crisi di coscienza e di spirito avvertita dall'uomo contemporaneo nel suo rapporto con il mondo naturale. “Nature incontaminate”, che è l'ideale prosecuzione di quella mostra, sposta ora il baricentro dell’indagine dall’Uomo alla Natura.

La Natura, ovvero la Terra-Gaia, imperiosa Dea ed essere vivente, organismo completo di un perfetto equilibrio evoluzionistico, non ha bisogno dell'uomo e, tuttavia lo accoglie, attendendosi in cambio un rispetto non sempre ricevuto. Nella visione dell'artista, l'uomo ha perduto la propria centralità e smarrito il proprio senso, così che la Natura diventa oggetto di una visione destrutturante estranea alla mimesi (colore e sfondo non sono mai realistici, ma fortemente simbolici).

Parte integrante dell'opera è un video in 3D, realizzato dallo Studio Pixel grafica di Palermo, con cui l'artista documenta l'opera pittorica nel suo farsi, con riferimenti alle elaborazioni multimediali della Land Art o del paesaggio urbano degli anni Novanta e Duemila di artisti come Mario Sasso, Pierre Huyghe e Anri Sala.

Veniteci a trovare
dal 18 aprile al 31 maggio 2013

Info

inpress.ragusa@gmail.com

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: