Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Margareth Dorigatti | "Il Re degli Elfi"

Maja Arte Contemporanea via di Monserrato 30, Roma, Italia
Google+

In mostra una selezione di venti dipinti dell'artista Margareth Dorigatti ispirati all'Erlkoenig ("Il Re degli Elfi"), la ballata che Johann Wolfgang von Goethe compone nel 1782: nella notte un uomo a cavallo, stringendo a sé il figlio malato, si addentra nel bosco cercando di raggiungere un "luogo di salvezza". Durante il viaggio il figlio "vede" e "sente" la presenza del "Re degli Elfi" che tenta di attrarlo a sé come una sirena omerica, mentre il padre cerca di "razionalizzare la visione dell'impossibile".
Scrive Eva Clausen nel catalogo che accompagna la mostra:
"La ballata è una delle opere liriche più note nell'area di lingua tedesca. [...] Quanto semplice, chiara e di facile orientamento può sembrare dal punto di vista della forma e del contenuto, tanto molteplice risulta essere dal punto di vista interpretativo. Di fatto offre spazio a le più svariate chiavi di lettura.
L'interpretazione di Margareth Dorigatti è una rivelazione. Essa si muove nel campo di tensione tra dissoluzione e divenire della forma.
L'arte non è rifugio. L'arte è lotta. Con se stessi. Con la materia. Con la verità. Chi si avvicina all'opera di Margareth Dorigatti è avvisato: guardare le sue tele è a proprio rischio. Non vi è alcuna istanza di mediazione, nessuna distanza di sicurezza. Le opere della Dorigatti sono finzione senza discorso narrativo, esse non descrivono la realtà, ma si sostituiscono ad essa, diventano una realtà altra, immaginaria e al tempo stesso profondamente vissuta. Dietro questa sovrapposizione si cela un procedere quasi rituale, iniziatico. Parte dall'atto dissolutivo, nell'abbandono dell'Io, che si immerge in un altro mondo, viene iniziato e giunge, attraverso le varie fasi della purificazione, alla conoscenza. Questo è il processo della dissoluzione della forma, prima, e del divenire, poi. Un divenire vissuto in prima persona.
Le opere della Dorigatti sono ineluttabili. Ammaliano chi vi si avvicina. Sono come delle rocce, frastagliate dal tempo, ma persistenti, fiammeggianti, massicce e aptiche e allo stesso tempo freddamente eteree e inafferrabili. Frangenti oltre i quali si apre l'abisso. Il richiamo è irresistibile, l'attrazione fatale. E' la voce del Re degli Elfi. Il precipizio. L'invito ad addentrarsi nella profondità dell'inconscio, apparentemente in caduta libera. L'artista ne è consapevole, perché vi percepisce la salvezza - la sua ma non solo. Poiché nella caduta vi è il riscatto, se con questo si intende la conoscenza.
[...] La Ballata è un esempio paradigmatico del non-detto. Tuttavia, ciò che non viene detto è lì, è presente. Indicibile e incommensurabile. E così è la pittura della Dorigatti, astratta e figurativa al tempo stesso, materiale e spirituale, fluttuante e pastosa. Profondamente vissuta ed elaborata con rigore scientifico, alchemico."

Veniteci a trovare
dal 11 aprile al 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: