Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Cappuccetto Rosso - spettacolo di burattini e attori a sostegno della Cooperativa Ottavia

Teatro Comunale Scisciano Marigliano NA, Italia
Google+

Cappuccetto Rosso
spettacolo di Burattini e attori

domenica 18 Maggio, ore 18:00

Teatro Comunale di Scisciano


Il ricavato dello spettacolo sarà interamente devoluto alla campagna “Ricomincio da Tre” a favore della Cooperativa Ottavia di Marigliano, che promuove da anni l’inserimento lavorativo di persone con disabilità. La Cooperativa Ottavia (che lavora, tra l’altro, i beni confiscati alle mafie) sta subendo una continua intimidazione, con furti e distruzione di attrezzi agricoli. Da ultimo, il suo camion - ricomprato con tanta fatica dopo che una notte di due anni fa il precedente fu bruciato da ignoti criminali - è stato rubato.
I poteri affaristico-criminali delle nostre zone vorrebbero così cancellare una importante esperienza di civiltà e legalità. Non dobbiamo permetterlo. La Cooperativa Ottavia ha bisogno subito di un nuovo camion per il suo lavoro di raccolta di carta e plastica.



UN APPELLO DELLA COOPERATIVA OTTAVIA DI MARIGLIANO (NA)



La cooperativa sociale Ottavia nasce, otto anni fa, con il solo intento di costruire occasioni di socializzazione ed inserimento lavorativo per persone con disabilità.
La sfida culturale che abbiamo lanciato è quella di condividere con la comunità territoriale l’ipotesi che la disabilità possa essere una risorsa e non un impegno, un costo, un peso.
Piano piano abbiamo messo su un piccolo sito di riciclo di rifiuti urbani non pericolosi: carta, plastiche metalli, vecchie tecnologie.
Andiamo nelle case delle persone spiegando che cosa può significare questo differenziare, senza confondere; accompagniamo le persone anziane in particolare difficoltà ovunque ne abbiano bisogno; ci fermiamo spesso con loro a parlare, a prendere un caffè, qualche volta portiamo loro la spesa fino a casa, un certificato, un farmaco, capitano anche discussioni e divergenze di opinioni sull’amministrazione politica del nostro paese, costruiamo appartenenza, legami, vicinanza con le istituzioni .
Un quartiere intero ci ha adottato a Somma, il quartiere Casamale, anche qui non si tratta solo di “carta”.
A Marigliano, dove abbiamo la sede operativa, cominciano a venire in tanti, a portare le cose che non usano più, alcune di queste diventano rifiuti,altre hanno una nuova vita, diventano utili e funzionali per chi non può permettersi di acquistarle nuove.
Si crea un bel circuito in cui tutti sono importanti, utili, appartenenti ad una comunità .
Abbiamo chiamato questo progetto IN/DIFFERENTE/MENTE, che gioca a confondersi tra la vecchia canzone napoletana e il saper leggere le cose in modo diverso, più vero, caldo, umano.
Questo ha prodotto un bell’indotto economico, pur non essendoci lucro, si riesce a guadagnare quel tanto che nel tempo, utilizzando le normative in materia ha portato ad assumere quattro persone a tempo pieno e due a part time, in un tempo buio come questo che stiamo attraversando.
Ma ciò non basta ancora, questo nostro girare tra i beni dismessi, rifiuti, scuole, piazze, ci fà incontrare troppi terreni della nostra campagna, una volta felix, abbandonati, pieni di lerciume ed inutilizzati; ce ne siamo presi cura e abbiamo cominciato a coltivarli, pulirli, rigenerarli.
E’ nata, così, una piccola fattoria sociale che abbiamo chiamato “Altra Qualità” che, dopo un po’ è entrata in produzione ed oggi è capace di produrre all’interno di un bene confiscato alle mafie, il castello Mediceo di Ottaviano, delle eccellenze DOP: pomodorini tondi vesuviani, conosciuti con il nome pomodorini del piennolo, e un bianco del Vesuvio poco noto, ma molto bevuto che è la “catalanesca”, uve spagnole che si sono ben trovate con la terra del Vesuvio.
Non è una produzione grossa per quantità, ma buona per qualità, che in questo territorio, dove nessuno ha più fiducia di ciò che viene prodotto dalla campagna campana, ha trovato molti estimatori, perché dietro questa produzione c’è un progetto, una storia, volti, di uomini e di donne che si mettono in gioco e garantiscono che è possibile rispettare l’ambiente e i suoi abitanti, che le persone stanno al centro, che ognuno può svolgere il proprio ruolo, che il lavoro migliora le persone.
Altre persone che trovano dignità ed accoglienza, insieme ad un impegno di grande attenzione ai diritti, all’ambiente, alla legalità.
Tutto questo in una rete di collaborazioni di associazioni ed enti come LIBERA, LEGAMBIENTE, L’ente Parco Nazionale del Vesuvio, le scuole e le chiese del territorio.
Ciò non sempre piace a chi vuole tutto per sé, a qualsiasi costo.
In questi anni ci hanno bruciato il camion, ci hanno distrutto e rubato gli attrezzi agricoli, e con difficoltà e grande fatica siamo andati avanti con l’aiuto di tanti e tanti che oramai in varie parti d’ Italia ci conoscono, ci condividono e ci vogliono bene.
A fine febbraio u.s. sono però venuti a rubarci il secondo camion, questa cosa ci ha messo in ginocchio, oltre al danno, anche un chiaro segno che qualcuno vuole che non andiamo avanti, e in terre come queste la storia insegna, che sono segnali funesti.
Con un po’ di paura in più, non soli, con la schiena diritta, vogliamo “ricominciare da 3” mettendo su iniziative per acquistare un terzo camion più bello, più sicuro, più funzionale, con tutti gli uomini e le donne di buona volontà che vogliono vivere in una terra bella, vivibile, sociale senza mafie e corruzione.
Chi può ci dia una mano … camminando s’apre il cammino…


Rosita, Angelo, Paolo, Rosaria Anna, Daniela, Ida, Rachele, Luigi, Sebastiano, Davide, Daniele, Francesco, Antonio, Francesco, Alfredo, Pasquale, Gennaro, Luana, Alessio e tanti, tanti altri amici...

l'iniziativa è promossa da:

- Associazione YaBasta!
- Associazione La Carrozza d'Oro
- Cento Passi San Vitaliano
- Azione Cattolica di scisciano
- Associazione ArciFelix
- Azione Cattolica di San Vitaliano
- Associazione Reset
- Scisciano Bene comune
- Rifondazione Comunista Scisciano- San Vitaliano- Marigliano
- Movimento 5 Stelle di Scisciano
- Comune di Scisciano - Assesorato alle politiche Sociali

presso le associazioni coinvolte è possibile acquistare i biglietti!

Veniteci a trovare
il 18 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: