Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

POMERIGGIO ALL’INSEGNA DELLA TRADIZIONE DEL VALLO DI DIANO

TRAD Spazio Tradizioni Via Gressoney 29/B, Torino, Italia
Google+

Sabato 3 maggio 2014

ore 15.00/17.30 - Seminario sulla tecnica del tamburello nell’accompagnamento alle suonate del Vallo di Diano (Cilento, Lucania Occidentale) [MUSICA]
Iscrizione: 15€ | 10€ soci de La Paranza del Geco

ore 18.00/19.30 - Incontro con la tradizione del Vallo di Diano [DIBATTITO]
Descrizione degli strumenti, del ballo, del contesto sociale, proiezioni e ascolti
Ingresso gratuito

ore 19.30/21.00 - APERITRAD! IL CILENTO con prodotti tipici dell’area salernitana e musica dal vivo
Costo: 7€ | 5€ per i soci de La Paranza del Geco

Sabato 3 maggio 2014 al TRAD! Spazio Tradizioni di via Gressoney 29/B, pomeriggio dedicato alla tradizione del Vallo di Diano in compagnia di Vincenzo Pisapia!

Il tamburello nelle aree del Cilento e della Lucania Occidentale non è uno strumento principe, ma svolge un ruolo di accompagnamento, spesso sostituito da un abile uso delle nacchere, solitamente chiamate castagnole, di cui ne esistono delle tipologie specifiche, (più lunghe di quelle utilizzate per la tammurriata), utilizzate per lo più in modo singolo. Questo non sminuisce l’utilizzo del tamburello, anche se di accompagnamento, di cui si possono cogliere varianti tecniche e ritmiche analizzando suonate e suonatori dal Cilento pieno fino alla provincia di Potenza.
Vincenzo Pisapia ha maturat questo tipo di esperienza nel corso di circa dieci anni di ricerca e di analisi, riuscendo a cogliere le sottili differenze che possono esistere nell’accompagnare una suonata caratteristica del Cilento, una suonata caratteristica del Vallo di Diano o una suonata caratteristica del Potentino.
Un corso di tamburi legato a questa vasta area, può rivolgersi sia ad esperti che hanno interesse ad
approfondire delle tecniche legate alle musiche caratteristiche di quella che una volta era chiamata la
Grande Lucania, o può essere rivolto anche a principianti che hanno voglia di scoprire le suonate e le tradizioni di una importantissima area ricca di tradizioni poco conosciute.

Vincenzo Pisapia è nato e cresciuto a Teggiano (SA) ed è stato coinvolto sin da piccolissimo dai ritmi e dalle melodie legate alla musica tradizionale del paese, scanditi in molte occasioni dai vicini di casa, di professione pastori. Sicuramente influenzato da questi episodi, ha sviluppato una forte passione per gli strumenti tradizionali, quali la ciaramella ed il tamburello che ha iniziato a suonare da autodidatta.
Nel 2004 è stato cofondatore del gruppo Pynazoriia Musica Popolare del Vallo di Diano con cui ha collezionato numerosi concerti in Italia e all’estero, nel 2008 è stato cofondatore dell’Associazione Culturale Arteddica, centro tutela e studio del patrimonio immateriale e materiale del Cilento e Vallo di Diano, di cui tuttora è presidente. Nel 2011 è uscito il primo disco del gruppo, una riproposta di un prototipo di serenate tipica di Teggiano e del Vallo di Diano. Sempre nel 2011 è stato invitato come visiting professor presso il Real Conservatorio di Musica di Madrid dove ha tenuto corsi sui tamburi a cornice tradizionali del sud Italia con specifiche verso l’area Cilento, Vallo di Diano, Lucania occidentale.



Info: 346 1391873 | spaziotrad@gmail.com
334 1583217 liberamente85@yahoo.it

Per ottenere la tariffa scontata a loro dedicata, i SOCI DE LA PARANZA DEL GECO devono presentare la tessera associativa de La Paranza del Geco alla cassa.

Veniteci a trovare
il 3 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: