Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sabato 26 aprile 2014 - PETRAMANTE in concerto - INGRESSO GRATUITO

DARSENA LIVE MUSIC via Lungolago 1, Castiglione del Lago PG, Italia
Google+

Dopo il tour del primo disco “E’ per mangiarti meglio”, che ha toccato oltre la Penisola, Germania, Austria e Sudamerica, i Petramante pubblicano ad aprile 2013 il loro ultimo disco “Ciò che a voi sembra osceno a me pare cielo”sotto la guida di Paolo Benvegnù.
Definiti spesso come canzone d’autore, rivelano anche una vena più feroce in un perfetto bilanciamento tra leggerezza e complessità.
Stavolta il loro personalissimo cantautorato si arricchisce di inaspettati echi shoegazer, e pesca tra gli episodi meno elettronici di Bjork e il Battiato de “La voce del padrone”.
Anche se collocare questo lavoro in una sola categoria è difficile, oltre che riduttivo: è indie, melodico, musica d’autore, mainstream. E’ tutto questo.
A casa loro si cena, si beve e si produce vino, si dipinge, si scrive, si girano i video delle canzoni e delle ricette culinarie che la band diffonde in rete sul proprio canale youtube.
Il loro singolo “Implodo” è inserito nel catalogo multimediale “Io e l’altro”, uscito per Fonopoli con la supervisione artistica di Renato Zero.
Paolo scrive, canta, suona diversi strumenti, condivide con loro mesi di vita e il prezioso fonico Michele Pazzaglia.Notevole anche il contributo di Lorenzo Corti alla chitarra, Guglielmo Ridolfo Gagliano al violoncello e Laurence Cocchiara al violino.


HANNO SCRITTO DI “CIO’ CHE A VOI SEMBRA OSCENO A ME PARE CIELO”

Il disco dei Petramante è un viaggio nella mente, una passeggiata tra le colline umbre, da cui provengono i componenti del gruppo, dove le forme armoniche degli ulivi, come degli accordi, nella loro semplicità, assumono una bellezza misteriosa
IL FATTO QUOTIDIANO – Giuseppe Zingaro

Provate ad ascoltare subito La colonia, un brano stupendo (tra le 2-3 canzoni più belle dell’annata?) impressionante per intensità e per la lucida poesia che vi si respira, come ha intuito Alessandro Fiori, una volta nei Mariposa, che l’ha coverizzata dal vivo. Un refrain che trascina in alto, come poche volte accade nell’odierno indie italiano, eppure c’è una tensione al pop, a quello che ti scardina l’anima.
L’ISOLA CHE NON C’ERA – Andrea Caponeri

Musicalmente il disco si muove principalmente in due direzioni, appoggiandosi, però, sempre ad un suono molto convincente. C’è qualche canzone più tirata come “La colonia” (la più bella e riuscita dell’album – chi non è stata mai minacciata di essere mandata in colonia?), “La Doccia”. E ci sono poi canzoni più leggere (“Le Calvizie”, “Le Reliquie”), apparentemente più felici, che trattengono, però, una certa malinconia (“La Gonna”), che viene rilasciata a poco a poco, come un veleno salvifico.
ROCKIT – Angela Maiello

Il disco come un diamante grezzo, si affina ascolto dopo ascolto: tante sono le sfumature, le stratificazioni da cogliere
LOUDVISION – Laura Campopiano

Uno di quei dischi dai quali non si butta via niente, tutto è bello e intriso di umori pregnanti, ti ci specchi e ti ci affoghi di pianto, ti ci affacci e ti si apre il profumo del genuino, tutto è un preludio all’imbattersi in uno dei lavori tra i più intelligenti e di classe del nuovo pop cantautorale.
SHIVER – Max Sannella

Un discorso profondo, incentrato su una voce e una decisa ricerca poetica che ha pochi confini e che arriva serena e varia alle vostre orecchie.
RELICS – Fabio Ippoliti

Scardinare certezze, rimescolare la conoscenza, provocare e stimolare emozioni: questo e molto altro si nasconde dietro l’ascolto dell’ultimo disco dei PETRAMANTE dal titolo “Ciò che a voi sembra osceno a me pare cielo”, secondo disco di una delle band più promettenti dello scenario rock italiano… l’ascoltatore che non può fare altro che rimanere estasiato da tanta bellezza.
VIVA LOW COST – Antonio Giovanditti

Francesca Dragoni ha una voce bella, densa, che usa con più consapevolezza e leggerezza rispetto a qualche tempo fa. Le sue storie continuano a nutrirsi di slanci impressionisti e didascalie color pastello: si sente la passione per la materia, per la natura e per il corpo umano, si respira l’aria rarefatta della provincia. Il linguaggio è originale, ricco ma a tratti quasi scientificamente ricco […] brani ben scritti e ben architettati, dicevamo, e suonati ancora meglio.
ONDA ROCK – Giovanni Dozzini

Un lavoro molto personale, dove trovano spazio gioie e dolori, archi e fiati, contaminazioni letterarie e musicali che sicuramente fanno dei Petramante una delle band più interessanti del panorama pop-rock nazionale
OCANERA – Andrea Fiaschetti

Mettetevi comodi, seduti, in piedi, a letto, dove/come vi pare, aprite le orecchie e alzate gli occhi verso il cielo disegnato dai Petramante
BASSA FEDELTA – Luca Bassani

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: