Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

ERNESTO BASSIGNANO IN CONCERTO

Teatro Ambra alla Garbatella Piazza Giovanni da Triora 15, Roma, Italia
Google+

Ernesto Bassignano nasce a Roma il 4 aprile del 1946, fa le scuole elementari, si trasferisce con la famiglia a Cuneo e li frequenta il liceo classico. Torna nella Capitale nel 1966 e abita a casa di Duilio Delprete che lo introduce al mondo di Brel e della canzone d'autore nell'accezione più ampia della definizione.

Comincia a frequentare l'effervescente ambiente del teatro e del cabaret dell'epoca. Studia scenografia all'Accademia delle Belle Arti. Conosce Gianmaria Volontè e per tre anni fa, con il suo gruppo il "Teatro di Strada", spettacoli di provocazione politica.

Nel 196 arriva anche al Folkstudio (lo storico locale nel cuore di Roma) e fonda con Giorgio Locascio, Antonello Venditti e Francesco Degregori "I giovani del Folk". Lavora per la direzione del PC e comincia una serie infinita di feste de L'Unità, campagne elettorali e ogni altro tipo di spettacolo politico in tutto il Paese.

Nel 1979 entra nella redazione spettacoli de "Il paese sera" e fa il critico musicale fino al 1989, anno della chiusura del giornale. Pubblica alcuni libri tra cui "Canzoni, pennelli, bandiere e supplì" (che poi è il riassunto delle sue infinite esperienze culturali). Lavora per RadioRai e Via Asiago sino a che viene assunto al Gr1 nel 1991. Dopo dieci anni del suo fortunato programma "Ho perso il trend" in compagnia di Ezio Luzzi, da tre anni è andato in pensione. Ma non ha mai dimenticato l'amata chitarra e di incidere un disco ogni tanto. Oggi, parallelamente al suo ennesimo programma radiofonico "Rodeo" per Radio Città Futura, con "Vita che torni" (Joe&Joe Records), è giunto al suo ottavo album.

Presentazione del nuovo CD "Vita che torni"

Annunciato dal singolo "A Pasqua" pubblicato il 18 aprile ecco che vede la luce il nuovo lavoro del cantautore.

Dieci canzoni: nove scritte da Ernesto ed una "La Strada" (dedicata a Federico Fellini) condvisa con la splendida musica di Umberto Bindi.

Il disco si avvale delle collaborazioni di fantastici musicisti che con piacere hanno partecipato alla realizzazione di un progetto tanto intenso e poetico, quanto elegante e sofisticato nella sua apparente semplicità.

Dieci canzoni intrise di una nostalgia positiva, del piacere di ricordare e con l'intento di rivivere delle forti emozioni senza tempo. I brani scorrono in modo naturale e colpiscono per la loro cinematografica voglia di raccontare storie, persone, luoghi, sogni, speranze e paure.

Parteciperanno anche due ospiti d'eccezione: David Riondino, amico e compagno di strada da sempre di Ernesto e Harold Bradley, cantante americano trapiantato a Roma al quale di deve la fondazione di quel mitico Folkstudio di Roma che tanto ha fatto per la canzone d'autore all'italiana.

Sul palco con Ernesto Bassignano:

Chitarre acustiche e Cori - Marco Adamii (arrangiatore del nuovo CD di Ernesto)

Sax, Clarinetto e Flauto - Alessandro Papotto

Chitarre elettriche - Luca Fiasco

Batteria - Ezio Zaccagnini

Basso elettrico - Luca Pirozzi

Piano, Tastiere e Cori - Fabio Dolci

Violoncello - Giuseppe Tortora

Fisarmonica - Daniele Bianchi

Cori - Ghita

A Pasqua (Singolo tratto dall'album "Vita che torni")

Vieni a trovarmi a Pasqua amore mio ti aspetto da che mi hanno chiuso qui

ma non vestirti amore più di nero quando verrai a trovarmi venerdì

E’ già passato un anno amore mio vieni e di nero non vestirti più

porta i tuoi occhi come cielo e mare che voglio uscire in sogno di quaggiù

E se verrai a trovarmi amore mio mi leggerai parole che non so

e le parole poi saran canzoni canzoni che di notte canterò

e terrò stretta amore la tua mano e chiuderò i miei occhi e me ne andrò

nel tempo e nello spazio sarà un volo gli ulivi e la mia spiaggia rivedrò

E mentre leggerai sarò lontano nemmeno più una sbarra esisterà

non ci saranno porte ne' portoni ma solo un'ora di serenità

Vieni a trovarmi a pasqua amore mio ti aspetto da che hai detto quel tuo si

e si aprirà la porta per il cielo quando usciremo insieme...venerdì...

Veniteci a trovare
il 24 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: