Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Facciamo Musica con Tre Soldi

Museo di storia naturale sezione di antropologia ed etnologia Firenze, Italia
Google+

lL Tempio delle Muse presenta:
Facciamo Musica con Tre soldi

di e con
Letizia Fuochi - voce e canto
Francesco Frank Cusumano - chitarra
Andrea Laschi - percussioni

Museo di Storia Naturale - Firenze
Sezione di Antropologia - Aula 1 - Via del Proconsolo 055.2757.333/324
055.2757.333/324

L'ingresso allo spettacolo e' gratuito. Si pagano 3 o 6 euro a seconda se si e' soci coop solo per entrata al museo; l'ingresso al concerto e' indipendente

Per i Soci UNICOOP:
Possibilità di prenotazione al concerto con garanzia del posto scrivendo a tempiodellemuse@gmail.com o telefonando al 331 8762068 (dalle ore15 alle 18 dal lun. al ven.).

Con l’esibizione della tessera COOP biglietto ridotto di ingresso alla sezione del Museo interessata dal concerto (3 euro anziché 6)

Per informazioni:
tempiodellemuse@gmail.com
www.msn.unifi.it

http://www.coopfirenze.it/eventi/facciamo-musica-con-tre-soldi

Facciamo musica con tre soldi
è una carrellata di frammenti dall’opera di Brecht, i cui personaggi sono pensati come figure epiche che non agiscono mai per conto proprio, essendo
portatori di una condizione sociale più ampia. Questi i personaggi disegnati da Bertolt Brecht e raccontati nello stesso modo in cui loro per primi raccontano il mondo.
Anche gli artisti che li rappresentano, diventano acrobati della vita, per la vita, per il lavoro sporco di dover presentare al proprio pubblico, quello che gli spettatori non
vorrebbero certo vedere. Miseria, guerre, bordelli, sangue, qualche ipocrita ideologia. Un’opera in cui “i mendicanti mendicano, i ladri rubano, le puttane puttaneggiano e i
cantastorie cantano”.

Veniteci a trovare
il 27 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: