Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IL MULINO DEGLI SCONCERTI: le memorie di Gino Sandri

Teatro Comunale di Novoli piazza Regina Margherita, Novoli, Firenze, Italia
Google+

SABATO 26 APRILE - ORE 21

Teatro Comunale - Novoli
IL MULINO DEGLI SCONCERTI: LE MEMORIE DI GINO SANDRI

Regia, Testo e Scene: Simone Franco
Interprete: Simone Franco
Voci fuori campo: Ottavia Leoni, Gionata Pais
Composizione sonore: Daniela Diurisi
Costumi: Fiamma Benvignati
Archivio Opere Gino Sandri: Paolo Conti

Lo spettacolo racconta attraverso i diari e le opere, la vicenda umana ed artistica di un pittore-illustratore e della sua arte tra le due Guerre. Racconto, libretto Il Mulino degli sconcerti: le memorie di Gino Sandri mette in scena il destino minimo di un uomo – il pittore Gino Sandri, morto in manicomio - e la sua sensibilità artistica, anarchica e mistica. L'esistenza di quest'uomo viene ricostruita a quadri attraverso: le sue opere e le sue stesse parole nei diari, i referti dei dottori, i ricordi e le confidenze dei compagni d'arte e di sventura, personaggi sanguigni e larvali, cori di voci e di cose che denunciano l’assurda verità del mondo, in cui emergono frammenti e detriti dell’Italia degli anni 20-30. Una babele di linguaggi, tecnico-scientifici, bassi e sublimi in cui ciascuno parla ad un referente, in una scena (aperta campagna, Accademia, cella dell'ospedale psichiatrico) in cui irrompe, fra felicità e dolori, l'incanto di un mondo libero, sospeso tra la rete di un manicomio e le luci della città.

INFO 3347423031 - 3403129308
Biglietti: intero € 10, ridotto € 7

---------------------------------------------------

MARTEDI' 15 APRILE - ORE 18.30
Palazzo Carafa (Open Space) - Lecce

INCONTRO APERTO AL PUBBLICO
“Gino Sandri: il calligrafo della follia – Suoni e segni dal manicomio”

Ingresso libero

Nell’ambito del “Premio Lupiae 2014” organizzato dall'Accademia della Nike in collaborazione con il giornale web paisemiu.com, martedì 15 aprile alle ore 18,30, a Lecce presso l’Open Space di Palazzo Carafa, sarà presentato: “Gino Sandri: il calligrafo della follia – Suoni e segni dal manicomio”, un Incontro aperto al pubblico sulla vicenda umana ed artistica del pittore Gino Sandri, figura forse poco nota al pubblico, ma certamente una delle più interessanti nel panorama, dell’arte italiana del Novecento.

All’Incontro di presentazione prenderanno parte Gioacchino Palma docente di composizione e didattica dell'ascolto presso il Conservatorio Musicale ‘Tito Schipa’ -Lecce, Patrizia Staffiero docente di Storia dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti- Lecce, Tiziana Dollorenzo Solari studiosa dello psichismo e del respiro nell'opera d'arte e Simone Franco regista e attore. Durante la serata sarà proiettato il video "Luci dell'arte, ombre della follia" e recitati alcuni brani tratti dallo spettacolo

Gino Sandri, grande ritrattista e paesaggista, nasce a Rossiglione Ligure il 14 febbraio nel 1892.
Studia e si forma nei corsi di pittura e disegno dell’Accademia di Brera a Milano ove è insignito del premio al nudo nel 1912. Viene rinchiuso a Roma presso l’Ospedale Psichiatrico Santa Maria della Pietà, la prima volta nel 1924 per un reato di non precisata natura politica e muore il 6 novembre del 1959 nell’Ospedale Psichiatrico di Mombello a Ceriano Laghetto.
Testimone del dolore della follia e della protervia della psichiatria asservita al Regime, Gino Sandri è considerato un dei maggiori interpreti del figurativismo nel manicomio, lo psichiatra Vittorino Andreoli l’ha definito “il calligrafo della follia”.
Le sue opere sono state esposte a Roma (Palazzo delle Esposizioni – 2002), a Monza (Palazzo dell’Arengario- 2009) ed in numerose mostre personali e collettive, in Italia ed all’estero, a cura dell’arch. Paolo Conti, infaticabile custode delle opere e dei diari.

Nel 2004 dallo studio dei diari e dalla ricerca sulle pratiche psichiatriche dell’inizio del secolo scorso ne è nato lo spettacolo dal titolo "Il Mulino degli sconcerti: le memorie di Gino Sandri” a cura del regista e attore Simone Franco. Lo spettacolo quest’anno celebra i dieci anni e continua a divulgare la straordinaria opera di Gino Sandri.

L’Incontro è pensato dall’attore Simone Franco, in occasione dello spettacolo teatrale "Il Mulino degli sconcerti: le memorie di Gino Sandri" che andrà in scena il 26 aprile nella stagione teatrale del Comune di Novoli organizzata in collaborazione col Teatro Pubblico Pugliese.

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: