Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione del libro: Ivi è Romena, Dante in Casentino, di urbano Cipriani.

ExpArt Via Borghi 80, Bibbiena AR, Italia
Google+

Martedì 22 Aprile dalle ore 18.00 presso ExpArt, via Borghi 80 Bibbiena, in collaborazione con il Circolo Peter Levy, si terrà la presentazione del libro di Urbano Cipriani, Ivi è Romena, Dante in Casentino.


Questa breve guida mette bene in risalto il legame così stretto tra Dante e la nostra valle. Sempre in momenti di grande impatto emotivo, o che sia la sanguinosa battaglia di Campaldino o che si tratti del periodo immediatamente seguente al bando e alla condanna a morte, con la devastazione della casa e dei beni, con l’allontanamento brutale da moglie, figli, amici e compagni. E’ il Dante dell’invettiva all’Italia nel sesto del Purgatorio, delle grandi lettere politiche ai fiorentini, ai principi e signori d’Italia, all’Imperatore, scritte proprio in Casentino. A Romena abita il conte Alessandro Guidi, Capitano della Lega dei bianchi esiliati di tutta la Toscana e Dante ne è il portavoce, ambasciatore e “ministro degli esteri”, in costante missione diplomatica tra Mugello, Romagna, Lucca e Lunigiana, Verona e Ravenna… Ma sempre in Casentino è l’approdo, negli anni che vanno dalla prima condanna del gennaio 1302 alla morte dell’Imperatore Enrico VII nel 1312. A Poppi Dante scrive biglietti di saluto all’Imperatrice Margherita di Brabante per conto della contessa Gherardesca, a Pratovecchio si innamora disperato e non corrisposto di una donna bella e riottosa, del Casentino sono pieni l’Inferno e il Purgatorio, che si tratti di Mastro Adamo o del conte Ugolino padre di Gherardesca, di Buonconte da Montefeltro caduto in Campaldino o che si descriva la valle tra il Pratomagno e la Giogana, col monte Falterona, con l’Arno, l’Archiano e i ruscelli loro affluenti. In Casentino Dante ha visto “le pecorelle che escon dal chiuso”, le “lucciole che brillano giù nella vallea”, “l’uom della villa” che chiude alle pecore la siepe, “con una forcatella di sue spine” quando l’uva si fa matura. E così il nostro giovane antenato, “ il villanello a cui la roba manca” che si dispera quando confonde la brinata del mattino con una nevicata che non gli permetterà di portare al pascolo le pecore. E i “fioretti” che si schiudono al sole nelle fredde mattine d’inverno. Anche le asperità del nostro Appennino si fanno ben presenti nella faticosa iniziale ascesa alla montagna del Purgatorio, rievocando un Dante in corsa continua tra Casentino e Mugello per i sentieri impervi del Falterona e gli anfratti dell’Acquacheta, tra Casentino e Romagna attraverso la via Romea che, tra Germania e Roma, veniva a passare proprio da noi, da Bagno di Romagna fino al monte Serra per scendere in Vallesanta, a Bibbiena e Subbiano fino a Viterbo dove di ricongiungeva con la via Francigena. Giusto risalto vien dato alla Guida delle due sorelle inglesi che un secolo fa percorsero la valle in lungo e in largo, lasciandone una descrizione così viva poetica e appassionata.

Veniteci a trovare
il 22 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: