Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Il Teatro Comico nei sassi

Matera MT, Italia
Google+

GENNERENIELLO & SUICIDIO COLLETTIVO dei fratelli De Filippo a Matera, Sasso Caveoso, Vico solitario (presso la casa grotta) - 18 giugno, 9 luglio, 31 luglio, 27 agosto ore 21,00.

Due atti unici che si alterneranno nel magnifico scenario dei sassi di Matera.

Nella versione materana di GENNARENIELLO la terrazza napoletana dell'originale diventa un vicinato dei nostri sassi. La storia è quella di un anziano pensionato che vuole fare il "giovane"progettando inutili marchingegni che secondo lui, faranno la sua fortuna, e corteggiando goffamente una dattilografa un pò civetta, che si diverte a prenderlo in giro.La sua famiglia ed i suoi amici reagiscono a tutto questo, ciascuno a suo modo,dando la possibilità ad Eduardo di presentarci questo scorcio di umanità con la solita ironia, talvolta con sarcasmo,inducendo nello spettatore tante risate, accompagnate come sempre in questo grande Autore, da un invito alla riflessione profonda sulle vicende degli uomini di ogni tempo e di ogni luogo.

Mentre  SUICIDIO COLLETTIVO - è un atto unico che appartiene al genere teatrale della farsa,tanto caro a Peppino De Filippo. E' la storia di uno scapolone, don Antonio, non più giovane, che sciupa i suoi averi col divertimento e col gioco delle carte e finisce col coprirsi di debiti. Personaggi molto comici danno luogo ad una successione di scene esilaranti, che utilizzano alcune delle chiavi tradizionali della risata:l'equivoco, il difetto di pronuncia, il modo strano di parlare o di muoversi sulla scena. Si ride molto.Questo era importante per Peppino,certamente più vicino a suo padre Scarpetta,di quanto non lo fosse suo fratello Eduardo.

Veniteci a trovare
dal 18 giugno al 27 agosto 2013

Info

info@taliateatro.it
3334709898 | 3317995953

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: