Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

1 maggio al Parco con l’Adonis vernalis

Assergi AQ, Italia
Google+

1 maggio al Parco con l’Adonis vernalis, escursione sugli antichi sentieri del Gran Sasso per ammirare la fioritura della rara specie.

Come anticipato dalla fioritura ex situ all’Orto Botanico di San Colombo, sta per sbocciare nel suo ambiente naturale l'Adonis vernalis. E’ una specie rarissima, che in tutta Italia vegeta solo nel Parco Nazionale Gran Sasso - Laga e che da questo Ente viene tutelata, allo scopo di assicurarne la sopravvivenza e per far sì che diventi un’ulteriore attrattiva per un territorio di ricca e peculiare bellezza.

Per celebrare la fioritura della pianta simbolo dell’area protetta, l’Ente Parco torna a proporre per il 1 maggio, in collaborazione con l’Università degli Studi di Camerino, il Comune e la Pro Loco di Barisciano, l’escursione “Sugli antichi sentieri …alla scoperta dell’Adonis vernalis”, passeggiata di circa due ore guidata dai botanici del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino lungo l'antico sentiero "I Santarelli", che in passato conduceva i contadini ai fertili terreni di Vallicella, nel territorio di Barisciano.

L’Adonis vernalis è una specie erbacea dai grandi fiori gialli che, ritenuta estinta, fino agli anni Novanta figurava nel Libro Rosso delle Piante d’Italia, il catalogo ufficiale delle entità floristiche scomparse o sull’orlo dell’estinzione. La pianta, invece, venne rinvenuta nel 1994 sul Gran Sasso, nel territorio di Castelvecchio Calvisio, suscitando grande stupore nel mondo botanico, e successivamente anche nel territorio di Barisciano, in un’area in cui si concentrano numerosi individui della specie, giunta in Appennino dalle steppe eurasiatiche durante l’ultima glaciazione, alla stregua di tante altre piante presenti oggi sul massiccio. Qui condurrà l’escursione, per un 1 maggio all’insegna del benessere in natura, della conoscenza e della meraviglia.

Veniteci a trovare
il 1 maggio 2014

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: