Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

LENTINI: OMERTA' E VELENO . AIUTIAMO I RANDAGI E IMALTRATTATI DI LENTINI A SPORAVVIVRE!CHIEDIAMO CON

Lentini Lentini SR, Italia
Google+

IMPORTANTE INVIARE LA LETTERA AL MINISTERO DELLA SALUTE

OGGETTO: all'attenzione della dott.ssa Matassa

Alla gentile attenzione della Dott.ssa Matassa

La sto contattando per esporle un grave problema e chiedere il Suo intervento. Tale problema si sta verificando a Lentini, citta' che ha accolto Gaetano, un cane ricco di piu’ umanità di quanto non ne sappiano dimostrare gli uomini in alcune circostanze, e che ha realizzato una statua in suo onore, (http://www.youtube.com/watch?v=QRF4iDmP4MU).

Cio’ è stato orgoglio di tutti i Lentinesi e ha fatto conoscere Lentini anche oltre i confini della regione come una cittadina da imitare per il grande senso civico dimostrato.
Il suo Sindaco (Fonte: Art. pubblicato da ASIA G.Fonte: http://www.chiliamacisegua.wordpress.com/) viene definito in un articolo “Sindaco con la S maiuscola” e ringraziato per la sensibilita' dimostrata verso questo essere senziente.
Lentini oggi non merita di avere ricevuto tanta ammirazione e cio' a causa di quello che sta avvenendo in modo grave e continuativo su tutto il suo territorio. I poveri randagi che non hanno colpa, sono vittime ogni giorno di atti di pura crudelta’. Di azioni indegne che ci fanno vergognare di appartenere a questo territorio patria di Gorgia, Jacopo da Lentini e di altri grandi, figli come noi di questa terra.

Ogni giorno contiamo le vittime della cattiveria umana che si e’ scagliata, in questo territorio di grande storia, contro questi esseri indifesi e puri, che Francesco chiamava fratelli. Si sta verificando in modo continuativo lo sterminio con veleno sia di cani che di molte colonie di gatti.

LA COSA ENORMEMENTE GRAVE E’ CHE QUESTE MORTI INNOCENTI NON VENGONO NEMMENO DENUNCIATE DALLA POPOLAZIONE, CHE IGNARA DELLE PROCEDURE CORRETTE DA ADOTTARE, BUTTA LE CARCASSE AVVELENATE COME IMMONDIZIA NEI CASSONETTI, O LE LASCIA SULL' ASFALTO PER DIVERSI GIORNI, SENZA AVVISARE LE AUTORITA’, COME E’ INVECE GIUSTO CHE SIA FATTO IN QUESTE CIRCOSTANZE.

I numerosi casi di maltrattamento presenti sull'intero territorio non denunciati e, se denunciati non risolti, fanno credere alla cittadinanza che i malvagi e i vigliacchi responsabili di tali reati abbiano il diritto di calpestare le leggi civili di convivenza di queste povere creature che nessuna colpa hanno, se non quella di essere appartenuti ad un "padrone" che vigliaccamente se ne è sbarazzato abbandonandoli ai pericoli della vita.

La preghiamo di dare uno sguardo all’evento che è nato su Facebook per denunciare la grave situazione presente nel nostro territorio: https://www.facebook.com/events/1408531609417176/?ref_newsfeed_story_type=regular

Considerato il persistere degli avvelenamenti dei randagi ed anche di animali di proprieta’ a causa di esche o bocconi avvelenati intenzionalmente disseminati nell'ambiente; considerato che la presenza di veleni o di sostanze tossiche abbandonate nell'ambiente rappresenta un serio rischio per la popolazione umana, in particolare per i bambini, ed e' causa di contaminazione ambientale; rilevato che l'adozione delle predette OO.MM.del 18 dicembre 2008 e 10 febbraio 2012 ha reso possibile la raccolta di dati epidemiologici e un maggior controllo del fenomeno, con significativa riduzione dell'incidenza degli episodi di avvelenamento e, talora, con individuazione dei responsabili che sono stati perseguiti penalmente, richiedo il Suo interessamento a questo caso.

Per quanto sopra esposto, fiducioso/a che questo grido di dolore non rimanga inascoltato e che il ministero possa quanto prima intervenire sulla questione randagismo a Lentini e fermare queste mani vigliacche che si rendono responsabili di tali efferati crimini contro questi esseri indifesi. La ringrazio per aver letto la presente lettera.
In attesa di un Suo cortese cenno di riscontro,
Le porgo Distinti Saluti.

Nome e Cognome

DA INVIARE A :
All’Unità Operativa del Ministero della Salute
tutela.animale@sanita.it

E' inoltre attivo per informazioni e segnalazioni il numero 06 59944035 (dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30).

Veniteci a trovare
il 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: