Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

The Ants Folk Festival

Trenta Formiche via del Mandrione 3, Roma, Italia
Google+

Il Trenta Formiche al terzo anno di attività ha deciso di dare finalmente alla musica Folk lo spazio che merita, organizzando la prima edizione dell'ANTS FOLK FESTIVAL. Il festival diluito in 5 appuntamnenti vedrà l'avvicendarsi sul nostro palco di cantanti folk italiani e non che negli ultimi anni hanno scritto nuove storie nell'immeso libro del Folk. genere che spesso collega sonorità tradizionali a nuove concezioni dell' "essere" descrivendo immaginari diversissimi, ma mantenendo sempre la rigorosa esigenza di raccontare storie e di creare un rapporto più intimo e diretto con l'ascoltatore.

☛ 26.04
Janne Aslak (FIN)
PERRY O'PERSON (DE)
⚀ selezioni a cura di SoulKitchen Roma

☛ 30.04
Red Rooster Moving Company (USA)
HOLA LA POYANA (IT)
⚀ selezioni a cura di Freddie Koratella

☛ 22.05
Gipsy Rufina (IT)
DOLA J. CHAPLIN (IT)
⚀ selezioni a cura di Dj Zabriskie

☛ 30.05
THE DAD HORSE EXPERIENCE (DE)
⚀ selezioni a cura di Wolfman Bob

☛ 05.06
Milo Scaglioni (IT)
BOB CORN (IT)
⚀ selezioni a cura di Mondo Cane

tutti i concerti iniziano alle 22.00
ingresso con tessera ARCI

✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿

descrizioni:

✔PERRY O' PARSON
Perry O’Parson, in fuga perenne dalla sua Karlsruhe, nel sud di una Germania tranquilla, viva dimostrazione che il folk non arriva solamente dall’oltreoceano degli USA: le sue canzoni nuotano immerse in un ampio background musicale, tra ottima attitudine roots/songwriter e country picking d’annata, ricordando musicisti come Ryan Adams, Rocky Votolato, Damien Rice o Eddie Vedder. Un’acustica e un’armonica da nascondere nel taschino della camicia sono tutto ciò di cui ha bisogno per raccontare, con la sua voce rauca, colma di malinconia e stanchezza, quello che più può assomigliare un breviario laico di pensieri, preghiere e riflessioni, da leggere in musica in un pellegrinaggio dalle soste brevi e misurate.
http://www.youtube.com/watch?v=NrKKIhZvt-4

✔ JANNE ASLAK
Le canzoni di Janne raccontano le solite storie: lotte quotidiane per un'esistenza significativa, alle prese con la sgradevolezza della noia universale, l' inutilità degli sforzi cercando di mantenere la sanità mentale in un pazzoide mondo andato ormai a male. E le ragazze. Argomenti classici, ma c'è il colpo di scena tanto necessario. Anche se le influenze musicali non sono inusuali; Dylan, Black Flag, The Smiths, Steve Earle e simili, la musica di Janne è come una scimmia in un vestito da cowboy: un po' strano, un po' triste, un po' fuori di contatto con tutto. Fortunatamente le canzoni sono abbastanza semplici - ci sono le sei corde, un gancio lirico e la fisarmonica solista. Venire dalla Finlandia ha i suoi vantaggi eccentrici: le persone nate li sono un pò pazze , crescono in modo strano e con una bottiglia. E parlano strano, e cantano strano e, Janne, non fa eccezione.
https://www.youtube.com/watch?v=XLD1qviMpRk

✔ RED ROOSTER MOVING COMPANY
(Duo Folk, Country, e Blues)
Un canzoniere raccolto da vecchi dischi del primo e mezzo '900, alcuni artisti folk contemporanei, e costruito sugli scambi fra amici, musicisti e viaggiatori hobo. Scambi che di solito avevano luogo fra gli alberi del Gran NordOvest dell'America con gente aggregata attorno ai fuochi di giardino ed i patio rustici con in mano un bicchiere di whisky da condividere. Canzoni che trattano di una gamma di temi che variano da quelli scherzosi e provocanti a quelli piu' tragici e scuri: l'abuso del alcool e le droghe; l'amore trovato e perduto; difficolta' economica; il sesso e l'abbandonarsi ai desideri del corpo; la crisi spirituale. Canzoni che nondimeno cercano di essere edificanti e di ispirare la speranza nonostante quanto sia disperato il contenuto.
https://soundcloud.com/search?q=red+rooster+moving+co

✔ HOLA LA POYANA
(Hopetone records)
La Poyana nasce, cresce e si sviluppa in un bosco, liberatosi degli ingombranti genitori, decide di non fare più niente. La Poyana incontra casualmente colui che lo inizierà alle arti chitarrose, Sig. Gufo. La Poyana e Sig. Gufo suonano insieme per anni, drogandosi spesso. La Poyana conosce Mr. Nuvola, che introduce il nostro alle arti divinatorie e gli insegna ad andare di corpo con regolarità. Mr. Nuvola ha molte conoscenze, per lo più losche, in cima ad una montagna. La Poyana, Sig. Gufo e Mr Nuvola intraprendono una tournée nella montagna, dalla quale non si riprenderanno mai più. La Poyana viene iniziato al sesso estremo e all'alta cucina. Dopo tre anni di tourneè ininterrotta, Sig. Gufo sparisce misteriosamente. Mr. Nuvola si trasferisce in un isola sconosciuta, nella quale imparerà a lavarsi da solo. La Poyana decide di cercare Sig. Gufo, che aveva rubato il suo diario segreto, da allora non si hanno più sue notizie.... to be continued
http://holalapoyana.bandcamp.com/

✔ DOLA J CHAPLIN
Dopo un passato da chitarrista e bassista punk e in presente come chitarra e voce degli Thee Elephant, Dola J Chaplin si si muove sulle corde del rock e quel folk-blues il cui respiro sa di whisky e di tutto quell'immaginario emotivo che da sempre associamo all'America. Sfruttando “la solitudine” come strumento di crescita e di scoperta del mondo, nonché del proprio io, è un autore in continuo divenire. La sua musica è caratterizzata da sapori intimi, crudi, aspri e taglienti che a tratti lasciano commuovere, ma che vogliono sottolineare l’assoluto bisogno di semplicità, mischiando rabbia e dolcezza .Nella scrittura di Dola J. Chaplin si intravedono spazi, praterie, volti, persone, esperienze, incontri, vicoli, piazze. Un intero universo emotivo che trova posto nelle note di una voce, di una chitarra e di un’armonica. Dola recupera la lezione dei grandi del blues, del folk, dei cantautori. C’è molto di Bob Dylan, ma anche l’eco dei Byrds, della Band, di Crosby, Stills, Nash & Young, di Simon & Garfunkel.
https://www.youtube.com/watch?v=n_dQhdOHRGM

✔ THE DAD HORSE EXPERIENCE
Con il suo modo del tutto personale di suonare il banjo, le note puntellate e profonde della sua basspedal, i brevi interventi di kazoo e una voce salmodiante da reverendo punk, Dad Horse Ottn aka The Dad Horse Experience ha conosciuto le cadute di una vita dura e peccaminosa, per poi rialzarsi e andare incontro ad una nuova redenzione. Un predicatore gospel, suonatore di banjo da Brema che ulula "trasforma la merda in oro!" come un mantra salvifico. Descritta come "Dark Roots" e “Outlaw Gospel”, Ottn stesso definisce la propria musica con il termine “Kellergospel” (dal tedesco keller: seminterrato), spiegando che qui siamo lontani dal Vangelo che si sente nelle chiese già piene di luce: il “Kellergospel” è destinato a essere intonato in cantine buie e solitarie, in luoghi dove è più disperatamente necessaria la luce. Country, punk e un vero desiderio di Ascesa non sono mai stati così uniti come nella musica di Dad Horse Experience. Ma ogni cosa ha bisogno del suo tempo: spinto dal desiderio di dare voce e suono alle proprie domande spirituali, Dad Horse comincia a cimentarsi solo all’età di quarant’anni con un banjo tenore donatogli. Hawkwind, Washington Phillips e Johnny Cash sono stati la sua guida, anche se oggi Ottn suona più come un Hank Williams se non si fosse ammazzato di overdose nel sedile posteriore di una macchina prima di raggiungere i trent’anni di età.
Negli arrangiamenti spartani delle sue canzoni e nel lamento del suo canto è possibile cogliere transatlantici richiami all'intensità della musica folk dei monti Appalachi. I suoi testi affrontano le ferventi autocritiche di un'anima peccaminosa, a volte prendendo lunghi sorsi dalla bottiglia di un nero e imperscrutabile humour.
Dal 2008 Dad Horse Ottn ha pubblicato tre album, un EP e quattro singoli in vinile e ha partecipato a diverse compilation illegali in tutto il mondo. Lunghe tournèe lo hanno portato in quasi tutte le parti d'Europa, Russia, Australia e Stati Uniti. Oltre agli innumerevoli club dove si è esibito fra Melbourne, Memphis e Madrid, ha suonato in diversi festival internazionali nel 2012 e 2013 come il Muddy Roots Music Festivals (Tennessee, USA & Belgium), the International Bluegrass Festival (Yekaterinburg, Russia), the Mona Foma Festival (Tasmania) e al Falls Art & Music Festival (Victoria, Australia).
http://www.dad-horse-experience.org/

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: