Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

EVENTO SPECIALE: MARCELLO MURRU "INCHIOSTRO DA BERE"

Enoteca Giansanti a Roma Via Ostiense 34, Roma, Italia
Google+

EVENTO SPECIALE SABATO 10 MAGGIO
MARCELLO MURRU parole & voce
INCHIOSTRO DA BERE
con ALESSANDRO GWIS al piano e RICCARDO MANZI alla chitarra.
FREE ENTRY
“…personaggio di culto introverso, lupo solitario, amato da chi ama Brel e Cohen, poetico ma non enfatico, interprete ma non solo cantante, alieno da ogni logica di mercato.” Massimo Cotto
Marcello Murru nasce ad Arbatax, un piccolo paese della costa orientale della Sardegna. Si trasferisce a Roma nel quartiere di Testaccio, in un piccolo appartamento che è ancora oggi la sua tana d’artista. A metà degli anni ’70 viene notato da Angelo Maria Ripellino e dal regista Ricci che, lo scelgono per il ruolo da protagonista del loro applauditissimo “Majakoskij” teatrale.
Negli anni successivi lavora con Perlini, Corbelli, Gassman, Schroeter, Job. Nel 1984, la RCA lo coinvolge nel progetto Mondorhama, un trio elettro-pop d’avanguardia che si esibisce al Festival di Sanremo e pubblica un album ricercatissimo dai collezionisti. Nel 1991 esce “Murru” il primo album come solista. In questo stesso periodo c’è l’incontro con Lili Greco, uno dei più importanti produttori italiani, che rimane colpito dal suo talento: con lui comincia a lavorare ad un nuovo album, ma una lunga malattia interrompe questa nuova avventura. Il suo rientro sulle scene avviene nel 1998, ad Asti Musica: da quel momento comincia una serie di apparizioni nei più importanti festival italiani ed europei. Nel 2002, a suggello e chiusura di una travagliata stagione del suo percorso umano e artistico, esce “Arbatax” che è il risultato del lavoro svolto con Lili Greco. Con stima unanime della critica che lo riconosce come uno degli artisti italiani più ispirati.
Negli anni che separano “Bonora” da quello è a tutt’oggi il suo ultimo lavoro- “La mia vita galleggia su un petalo di giglio”- ha collaborato con Chiara Civello e Paola Turci, per la quale ha scritto numerosi brani entrati a far parte dei suoi album.
Nel 2013 gli viene assegnato il Premio Navicella d’Argento e riceve, insieme con Maestro Ennio Morricone, Carla Fracci e Antonello Salis, il Premio Maria Carta.

Veniteci a trovare
il 10 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: