Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Gio. 24/4 | RevRevRev | op. Mono | warm-up Pier Grave | LANOSTRAPRIMAVERA#2 | George Best M&F

George Best Music & Football Vico Primo Quercia n 3, Napoli, Italia
Google+

• G.Best Music&Football •
• Vico I Quercia 3 •
Concerti, Musica e quel calcio di rigore
≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠

GIOVEDI' 24 APRILE
ore 23
.bulbartnights

REV REV REV (da Modena, It).
op. MONO

warm-up rumoroso a cura di Pier Grave
post live selection a cura del trio meravilhao: Alemao, Jonas Thern e Oscar Magoni.

Il palco del George Best ospita una nuova .bulbartnights. Dopo Selton, Be Forest e Rue Royale il prato verde ospita i modenesi RevRevRev, con il loro shoegaze sono pronti a (s)pettinarci e a portarci negli "Spring Rev Days" !
In apertura MONO.

BIO:

Rev Rev Rev sono un muro di riverberi e fuzz, dal quale filtrano melodie sognanti. Tutto ciò che è distorto e sfocato li riguarda, ma questa forte attitudine psichedelica non perde di vista l'immediatezza del garage rock. I loro concerti stordiscono con proiezioni caleidoscopiche, e con gli strani suoni prodotti anche da effetti a pedale autocostruiti.
Dopo un EP autoprodotto (“Hypnagogic Visions”, 2012) e svariati live in giro per l'Italia, nel luglio 2013 hanno registrato il primo LP (St). A settembre 2013 hanno presentato in anteprima i brani dell'album durante un tour mitteleuropeo, che ha toccato Austria, Germania, Slovenia e Repubblica Ceca.
L'album è uscito a fine ottobre in digitale e CD, con artwork firmato dall'artista statunitense Brock Lefferts, ed ha raccolto numerosi consensi su stampa e webzine. I brani di “Rev Rev Rev” sono in rotation su numerose radio nazionali e sulla webradio statunitense DKFM; il disco si è classificato al terzo posto come miglior album shoegaze e post-rock del 2013 di Shoegazer Alive, è stato inserito nella top ten 2013 di ShoegazeMania e in diverse altre chart 2013.

"...a volume alto suona proprio bene e arriva dritto come un monolite che si frantuma a due centimetri dal naso per mostrare la pasta di cui è fatto. Tra suoni distorti, sfocati, abrasivi, qualche rimando alla psichedelia e al rock sonico, la band riesce a mettere in mostra un bel campionario di idee dando sensazioni positive (...)" [Rockerilla]

“(...) Distorsioni con rischio di soffocamento (Honey Sticky Fingers), rollercoasting al miele (Probability), un breve abbaglio C-86 (Wave speech), voce femminile effettata come nelle migliori tradizioni e feedback in quantità compongono nove tracce che sembrano appositamente scritte per stordire l'ascoltatore. (...)” [Il Mucchio Selvaggio]

“La dolcissima vertigine twang che attanaglia in apertura di questo scioccante disco è quella dei MBV (Ps_Cube). I Rev Rev Rev partono da qui per muoversi in un territorio multicolor psichedelico postpunk gravido di colori heavy (Honey sticky fingers, Catching a buzz), echi sixties-shoegaze e fuzz garage punk (Probability) (...)" [Rumore]

“(…) Un muro di riverbero e di saturazione fuzz nello specifico, a cui si abbina un cantato melodico,
celestiale e distante. Le coordinate sono scritte da un pezzo: siamo tra lo shoegaze pop trasognato e il
grunge più psych-out. Quando le cadenze si fanno più pesanti e le folate più intense sembra emergere il
nome dei Loop. (…)” [Blow Up]

(...) 9 tracce di valore assoluto, in grado di pietrificare l’ascoltatore e di fargli ammirare un panorama fortemente psichedelico, con connotazioni shoegaze (Blue on red vi farà scivolare su e giù come sulle montagne russe) e deliranti visioni notturne (Meaning occurs piacerebbe moltissimo a Jena Plinsky). (...)
Autoprodotto, senza titolo ed eccezionale. Proprio come piace a noi. [Music Zoom]

(...) l’atmosfera elettrica e corrosiva del disco è davvero interessante e la sensazione un po’ claustrofobica di trovarsi chiusi in una gabbia ad alta tensione rievoca cari ricordi da gioventù sonica anni ’90. Bell’esordio, alto potenziale. [Do You Realize?]

"nove tracce al calor bianco dove, in un'atmosfera sospesa fra lirismo lisergico e dissonanti eruzioni armoniche, trovano asilo eleganti scintille creative e fulminanti immediatezze espressive (...)". [Distorsioni]

“(...) Se la deriva è chiaramente quella di Jesus And Mary Chain, My Blody Valentine e la vecchia scuola new wave più sporca, il quartetto modenese sguazza a suo piacimento in questo marasma sonoro incontrando però anche le traiettorie più moderne calcate da gruppi quali A Place To Bury Strangers (...)” [Backstreets of Buscadero]
≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠≠

Madchester vs. Celtic FC
Pantaloni a zampa d'elefante vs. Maglie di flanella
Ray-Ban a goccia vs. L.A. Aztecs
Carnaby Street vs. Green Street
Tom Verlaine vs. La mano de Dios
Tony Wilson vs. Matt Busby
Vinyl 7'' vs. calcio totale

"Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci...il resto l'ho sperperato."
George Best from Belfast, Northern Ireland. No.7.

Veniteci a trovare
il 24 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: