Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

COMMEDIA COMICA "U MEGGHIE AMICHE MIJE"

Teatro Padre Turoldo Taranto TA, Italia
Google+

Nell'ambito del reality teatral-televisivo "Siamo in scena giovedì" realizzato in collaborazione tra Teatro “Padre Turoldo” – Pino Pittaccio – Jo TV, la compagnia teatrale amatoriale "Teatro Novo" di Taranto porta in scena un atto unico comico dal titolo "U megghie amiche mije".

La storia: allettato in un letto d’ospedale, boccheggia il sessantenne Aldino Basile, commerciante tarantino. Ormai non connette più e la morte è già pronta a portarselo via. Basta osservare i suoi occhi infossati e il suo naso affilato per rendersene conto, basta ascoltare il suo respiro affannoso con relative prolungate pause, per convincersene. Forse, per quel senso di vanità familiare a tutti coloro i quali si sentono protagonisti assoluti dell’ultima vicenda umana, Aldino Basile esagera un poco la gravità del suo stato, ma questi sono affari suoi. Chi avrebbe il coraggio di negargli gli ultimi istrionici atteggiamenti? E poi il dottore lo disse papale papale “Lo ricoveri in ospedale. Abbiamo un ottimo reparto con medici competenti! Che aspetta? Faccia questo tentativo. Però le dico sinceramente che a me sembra spacciato; se in ospedale ha una probabilità su mille di salvarsi, a casa ai Tamburi a Taranto, in quella casa vecchia e buia, muore certamente”. Infatti, i primi giorni di ricovero giovarono molto al degente; mangiava con un certo appetito, cominciava a sorridere di nuovo; ad interessarsi a ciò che accadeva; ad avvertire strani desideri erotici…. Eccolo lì, ora… La sorella Margherita, decise di accompagnare ed assistere Aldino in ospedale con l’ausilio di diverse badanti dell’est Europa, oramai non ne può più: “Deciditi Aldino… o dentro o fuori”. Ha famiglia, povera donna… un marito e tre figli da accudire! È possibile mai che un’agonia possa durare così a lungo?
A visitarlo ci pensa “’u megghie amiche sue” come si definisce Alberto commerciante torinese che vista la condizione in cui versa l’amico fa di tutto per accontentarlo.

Veniteci a trovare
il 15 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: