Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Shiva Bakta - LIVE @ Arci Origami (SP)

La Spezia La Spezia SP, Italia
Google+

Shiva Bakta nasce a Marola (SP) nel gennaio 2008 dopo alcuni mesi passati a scrivere canzoni per chitarra e voce. L’influenza principale sono gli anni ’60 e ‘70 (Donovan, Jefferson Airplane, CSNY), ma anche esperienze acustiche più recenti (Belle and Sebastian, Devendra Banhart).

In meno di un anno raccoglie 13 tracce registrate con mezzi di fortuna casalinghi in una sorta di album che, anche se non diventerà mai ufficiale, gli permette di fare concerti da solo, nonché un mini-tour come spalla agli Yuppie Flu. Le ambizioni più polifoniche, rock, epiche, psichedeliche lo portano a formare una band che dura il tempo di un concerto, al festival Miami del 2010, prima che il trasloco da Bologna a Milano ne blocchi l’attività per due anni.

In questo periodo mette ordine al materiale scritto nei precedenti anni di intensa attività: da qui escono le 10 canzoni che costituiscono Third, il terzo album scritto, il secondo che sarà reso pubblico, e il primo ufficiale.


hanno detto di "Third":

"“È la consacrazione di un ex talento grezzo diventato artista ispirato e definito. È un songwriter di qualità che a questo giro si prende il lusso di dire le sue robe nel modo più alto, ampio ed esagerato possibile." (Manfredi Lamartina - Rockit)

"Un individualista eclettico che sembra provenire da un altro spazio e da un altro tempo (circoscrivibile a psichedelia e folk Seventies appena deformati dalle lenti degli anni novanta e duemila) cui la scena indie italica ci sembra gli vada un po’ stretta.” (Alessandro Besselva Averame - Rumore“

"Questo disco piace per la varietà strumentale, l’agilità nell’alternare frangenti pop e soluzioni più elaborate, la gentile bizzarria che ne pervade ogni solco. Buona la prima, o la terza che dir si voglia” - (Elena Raugei - Il Mucchio)

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: