Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

ANA ARABIA di Amos Gitai @ ALTROVE Teatro della Maddalena

Altrove - Teatro della Maddalena Piazzetta Cambiaso 1, Genova, Italia
Google+

Anteprima nazionale (domenica 27 e lunedì28 aprile) dell'ultimo film di Amos Gitai, in concorso alla 70. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e vincitore del Green Drop Award 2013.

Le proiezioni saranno introdotte dall'intervista video di Donatello Fumarola e Alberto Momo a Gitai, raccolta nel volume “Atlante Sentimentale del Cinema per il XXI Secolo”, edito da DeriveApprodi, che mette insieme una serie di interviste ad alcuni tra i più importanti registi contemporanei.

Alla prima proiezione sarà presente il critico cinematografico Erik Negro che introdurrà il film ed il progetto distributivo a cui è legato. Il film verrà presentato in versione originale sottotitolata in italiano.
-----

Un giorno una giovane giornalista, Yael, va a visitare una comunità ai margini di una delle zone più calde del mondo, la periferia di Israele. In quei tuguri cadenti, nell’agrumeto pieno di alberi di limoni circondati da palazzoni fatiscenti, Yael scopre una una miniera d’oro di umanità. Si dimentica del suo lavoro. I volti e le parole di Youssef e Miriam, di Sarah e Walid, dei loro vicini e dei loro amici le trasmettono vita, sogni, speranze e disincanto. Queste persone hanno un rapporto con il tempo che è diverso da quello della città che li circonda: altre preoccupazioni, della vita tout court, allontanano i problemi ideologici; in questo luogo di fortuna, fragile, c'è ancora la possibilità di convivere. Una metafora universale, di un eterno regista apolide come Gitai, sempre al confine tra la Storia e le storie. Un’unica ripresa, un unico campo, un unico spazio dialettico in cui (ri)scoprire e (ri)scrivere il senso della comprensione.

Veniteci a trovare
dal 27 al 28 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: