Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

BLINDOSBARRA! GENOA CITY BLUES DUE NOTTI LIVE DIECI ANNI DOPO @ TEATRO RINA E GILBERTO GOVI

Teatro Rina e Gilberto Govi Via Pasquale Pastorino, 23r, Genova, Italia
Google+

Il Teatro Rina e Gilberto Govi
presenta
“Blindosbarra”
in
“Genoa City Blues – due notti live dieci anni dopo”

Venerdì 25 e sabato 26 aprile 2014 alle ore 21:00 il palco del Teatro Rina e Gilberto Govi diventa cornice di un grande ritorno della scena musicale genovese: dopo 10 anni di inattività i Blindosbarra si riuniscono per festeggiare insieme la voglia di tornare a suonare, di continuare ad esprimersi e di stupire con qualcosa di inaspettato.

26 aprile, opening act IL SINDACATO DEL MOJO


Chi sono i Blindosbarra. Il progetto Blindosbarra nasce nel 1992, anno delle celebrazioni colombiane, periodo di grandi contestazioni e di fermento per i giovani “artisti” e band musicali. Siamo a Genova, città di Macaia e di stretto vicolame, pochi giovani, pochi soldi, ma molte idee. E’ il momento delle Posse, del Ragamuffin e dell’HipHop, della World Music e dell’uso consapevole dei campionatori, dei sequencers e di tutte le nuove tecnologie.
La scena genovese, come altre città, produce un discreto numero di artisti, alcuni destinati a scomparire, altri a rimanere nel tempo. E’ il caso del gruppo nato da un’idea del bassista e produttore Vittorio Dellacasa, che in controtendenza rispetto a quanto andava affermandosi fra i gruppi di area non-rock, decide di sistemare un combo completamente acustico, dotato di sezione fiati e di percussioni, lontano dall’acid-jazz di moda all’epoca e più vicino a certo funk ruvido e grezzo (Defunkt, James White and the Contortions, A Certain Ratio).
I Blindosbarra pubblicano il primo lavoro nel 1993: esso contiene tracce in italiano, in dialetto genovese (che non abbandoneranno mai) e alcuni brani strumentali. E’ un funk torrido, immediato e genuino che riscuote notevole attenzione fra gli addetti ai lavori e lancia la band in un lungo giro, per lo più nei centri sociali e nei club più alternativi. I Blindosbarra, nella formazione originale, sono tutti figli di portuali, così le liriche sono impregnate delle atmosfere e delle lotte dei lavoratori. Proprio per la grande energia dimostrata dal vivo, i Blindosbarra suscitano l’interesse di produttori e musicisti e affrontano palchi sempre più impegnativi come il Concerto del 1° Maggio a Roma nel 1996 e l’apertura del concerto degli U2 a Reggio Emilia l’anno dopo, davanti a 150.000 persone.
Le esperienze sono tantissime e nel 2003 partecipano all’ “MTV brand new tour” insieme a Punkreas, Meganoidi,BandaBardot e altri gruppi. Ma è l’ultimo capitolo live della band che lascia comunque alle spalle centinaia di concerti e 4 cd: è nell‘autunno del 2004 che i Blindosbarra si ritirano dalle scene live e decidono di non proseguire la strada della registrazione in studio.
2004-2014 dieci anni in cui, per un motivo o per un altro Vittorio Dellacasa (basso), Alberto “Bobby Soul” Debenedetti (voce), Massimo Tarozzi (batteria), Claudio Mariani (chitarra), GianMarco “Pantera” Pietrasanta (flauto e sassofono) e Leo Martina (tastiere) hanno tenuto contatti tra di loro e sono sempre stati presenti nella vita musicale l’uno dell’altro, ed è al Teatro Rina e Gilberto Govi di Genova che decidono di tornare dieci anni dopo per due incredibili notti live.

Sindacato del Mojo (26 aprile): blues e storie del Delta per un terzetto tutto italiano che trova le sue origini nella levantina Sarzana e che cerca di restituire il Blues alla sua naturale semplicità e primitiva essenza.
Improvvisazioni ipnotiche fanno da sfondo ad uno stile ruvido, fangoso, che non fa prigionieri e che rimanda ai vecchi Sacri Nomi.
Il Sindacato del Mojo – potente strumento nelle mani del Signore – crea suoni e strutture originali senza far uso di eccessivi virtuosismi.
Un Blues che è liturgia, che è espiazione e che si fa sangue e sudore ma che non rinuncia alle sue radici italiane, ben salde nel nostro territorio. Li contraddistingue un impatto sonoro che, immediatamente, immerge l’ascoltatore nelle atmosfere dei vecchi film in bianco e nero.
La band è composta da: Andrea Giannoni (Armonica), Paolo Bonifacio (chitarra elettrica),Andrea Paganetto (Tromba).



In scena venerdì 25 e sabato 26 aprile 2014 alle ore 21:00


Prezzi Biglietti: Intero € 15,00 – Ridotto € 12,00 – Under 14 € 8,00

Orari Biglietteria: Giovedì dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00
Per info e prenotazioni:
Teatro Rina e Gilberto Govi, via Pastorino 23 R
Tel: 010 74 04 707
Mail: biglietteria@teatrogovi.it
Web: www.teatrogovi.it

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: