Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

CONVEGNO "La Conservazione del Patrimonio. Dalla formazione al lavoro, dall'Italia all'Europa"

Le Murate Firenze Firenze, Italia
Google+

CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO:
DALLA FORMAZIONE AL LAVORO, DALL'ITALIA ALL'EUROPA
(+ CONCORSO FOTOGRAFICO)
-----------------
Firenze, 10 maggio 2014, nell'ambito delle Notti Blu,
Le Murate - Progetti Arte Contemporanea, Sala delle Vetrate,
ore 10-17 (con sosta per il pranzo dalle h. 13 alle h. 14.30)
------------------
Kermes - Rivista del Restauro, Nardini Editore, Istituto per l'Arte e il Restauro Palazzo Spinelli, Salone dell'Arte e del Restauro organizzano un convegno pubblico / giornata di studi sul temi della formazione e del lavoro nel campo della conservazione dei beni culturali, ponendo al centro dell’attenzione la situazione italiana in relazione a quella europea, al fine di evidenziare gli aspetti caratteristici comuni e le peculiarità delle diverse realtà, focalizzando l'attenzione e la conoscenza in particolare nel rapporto fra la formazione del conservatore e il suo inserimento nel mondo del lavoro in un ambito, quello europeo, che è diventato il reale campo di applicazione delle conoscenze e delle tecnologie e il mercato nel quale la qualità professionale e l'organizzazione del lavoro possono produrre, per professionisti e aziende del settore, positivi risultati.
Ci pare opportuno e necessario verificare le premesse e permettere a formatori e mondo del lavoro di confrontarsi con il mercato europeo, non più solo con le situazioni locali di crisi economica che creano, in assenza di sfide culturali e di visioni più ampie, crisi di progettualità imprenditoriale e rinuncia alle speranze e alle attese di giovani e di professionisti. Se la cultura della conservazione è applicata in un mercato globale ampio e in continua crescita – quale quello europeo – le condizioni della formazione e quelle del lavoro possono capirne le potenzialità e coglierne le opportunità. Questo a patto che diventi pratica costante lo scambio di informazioni fra conservatori e amministratori, l'uniformazione delle leggi europee nel settore, e la conoscenza diretta, sul campo, delle singole realtà in ambito europeo.
Si propone quindi di fare il punto della situazione partendo dal documento dalla convenzione di Bologna del 1999 che ha sancito una nuova struttura disciplinare che ha portato a individuare, di conseguenza, un diverso profilo del restauratore conservatore, indicandone le specifiche competenze. Da un esame chiaro della realtà sul territorio al confronto diretto e alla competizione, perché la qualità, la conoscenza, le buone pratiche restino capisaldi della gestione del patrimonio e si accompagnino all'evoluzione tecnologica e legislativa.
Riportiamo qui un brano tratto da greenitalia.org a proposito della legge per il riconoscimento professionale dei restauratori (14.2.2013 n. 7): "La legge (...) manca di linee applicative e i restauratori italiani ora rischiano di vedere preclusa anche la possibilità di lavorare in altri paesi dell’Unione europea, alla luce delle nuove norme europee sul riconoscimento delle qualifiche professionali, pubblicate il 17 gennaio 2014, direttiva 2013/55/CE. Si tratta di norme che prevedono la possibilità di esercitare la propria attività, in un altro Stato UE, nel settore corrispondente a quello per il quale si è qualificati nello Stato membro di origine.Ma se il Ministero dei Beni Culturali non completa l’iter per la compilazione dell’elenco dei restauratori, come previsto dalla legge, entro giugno 2015, impedirà ai restauratori italiani lo svolgimento della professione presso altri paesi europei" (Anna Scavezzon, Comitato dei Cento).
Un'Europa, quindi, non più da declamare come troppe volte nel passato, non più termine abusato e logorato, ma scenario quotidiano di formazione senza confini e di lavoro senza barriere, che non penalizzi la qualità solo per scarsa attenzione ai processi formativi e agli adeguamenti legislativi, teorici e tecnici della professione. Un'Europa dove la parola "crisi" non diventi una scusa per ritardi, chiusure, privilegi ma costituisca un'occasione di rinnovamento e di rilancio.
Accanto agli aspetti teorici e agli approfondimenti istituzionali e legislativi, ci si propone di offrire informazioni aggiornate su:
- centri, corsi, luoghi per la didattica e modalità di apprendimento teorico e tecnico in Europa;
- individuazione di percorsi inter-europei di studio, formazione e inserimento nel mondo del lavoro;
- individuazione dei centri di supporto all'impiego nel settore e assistenza alle nuove professioni ma anche alle nuove modalità di aggregazione nelle start-up;
- individuazione e pubblicizzazione dei progetti europei in ambito di inserimento nel lavoro;
- individuazione delle professionalità più ricercate in ambito europeo.
- individuazione degli strumenti di supporto sul web: siti, blog, bibliografie, link europei.
TEMI CORRELATI: il codice degli appalti, i preventivi, gli strumenti didattici, la formazione dei docenti, il codice dei beni culturali.

Concorso fotografico
Parallelamente al Convegno-Giornata di Studi, gli organizzatori propongono un Concorso fotografico dal tema: "Europa: il mondo del restauro e della conservazione". Si accetteranno immagini digitali (o digitalizzate) che vedano ripresi studenti, formatori, professionisti in ambito lavorativo, luoghi della formazione e del lavoro, lavoro in cantiere, incontri pubblici del settore, personaggi, opere prima e dopo il restauro e quanto altro sia utile a documentare l'intero ambito didattico e professionale (dove necessario sarà opportuno presentare una liberatoria da parte dei proprietari di opere eventualmente riprese). Le immagini vincitrici saranno premiate con una fornitura di libri forniti da Nardini Editore pari a 300 euro di valore per il primo classificato, 150 per i secondo, 100 per i terzo, oltre a una serie di altre facilitazioni e sconti. Il regolamento del concorso sarà pubblicato entro il 30 aprile sui siti internet degli organizzatori e sulla pagina Facebook del Convegno e del Concorso.
Le migliori immagini verranno pubblicate sulla rivista Kermes e nei siti internet di Nardini Editore.
---------------------
Il Convegno e il Concorso fotografico saranno presentati, oltre che nei canali informativi delle Notti Blu e di Europe Direct, anche nei canali informativi Nardini Editore (siti internet, libreria, point in Italia, editori esteri) e in quelli di Palazzo Spinelli per l'Arte e il Restauro e del Salone dell'Arte e del Restauro di Firenze.
Al Convegno/Giornata di Studi chiediamo la partecipazione delle principali istituzioni pubbliche e private che operano nel settore:
Soprintendenze, Provveditorato alle opere pubbliche
MIBAC: OPD e ISCR, CCR, ICPAL e altri;
Direzioni Regionali del ministero
Polo Museale fiorentino
MIUR: Università, Accademia di Belle Arti;
Enti locali, in particolare se dotati di Centri per il Restauro;
CNR, UNESCO;
PRIVATI: italiani ed europei;
Fondazioni;
ENCORE (associazione europea delle scuole di restauro);
ISTITUTI PUBBLICI EUROPEI: Supsi, Courthald, Valencia ecc.;
ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA: CNA, ARI, Confindustria;
---------------
A chi preannuncia la partecipazione, e ai partecipanti, verranno consegnati:
- un volume in omaggio a scelta fra uno dei titoli Nardini più noti (da una lista che sarà fornita).
- una tessera per l'acquisto di libri nel Nardini Bookstore le Murate, nei giorni dall'8 al 13 maggio, con il 30% di sconto sui libri Nardini Editore, il 15% di sconto sui libri di altri editori e uno sconto del 30% sul costo dell'abbonamento a Kermes - La Rivista del Restauro;
- buoni per usufruire di un pasto a prezzo ridotto (due menu a 10 / 15 euro), nei due ristoranti dell'area delle Murate, nella pausa-pranzo del convegno.

Programma di base (titoli orientativi):
- ore 9.00: inizio registrazione dei partecipanti e distribuzione dei materiali informativi.
- ore 10.15: relazioni introduttive (4-5 per 15 min. ciascuna): A) formazione in Italia. Dalla formazione al lavoro. B) Formazione in Europa. Dalla formazione al lavoro. C) Il restauro in Europa: problemi, possibilità e prospettive.
(definizione provvisoria dei primi interventi:)
1a.Relazione del Soprintendente del Polo Museale fiorentino (in attesa di conferma).
1b. Relazione del Soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure: tema generale la formazione pubblica, la sua organizzazione in Italia, il passaggio dalla formazione al lavoro (in attesa di conferma).
1c. Relazioni del Direttore ISCR (in attesa di conferma) e del Direttore CCR Venaria Reale (per suo conto: Dott.ssa Stefania de Blasi con una relazione su "CCR, il Progetto Neo_Lab e la piattaforma Next per inserire i giovani restauratori laureati di Venaria nel mondo del lavoro".
2. Relazione di ENCORE: formazione in Europa, coordinamento delle istituzioni formative, leggi europee, riconoscimenti di diplomi e lauree, problemi e opportunità di lavoro nell'Unione.
3. Relazione del gruppo Palazzo Spinelli e "I progetti europei: la formazione privata, il coordinamento europeo, dalla formazione al lavoro"*.
4. ECCO, - European Confederation of Conservator-Restorers Organisations - Bruxelles (in attesa di conf.)
4. Relazione di enti di coordinamento delle aziende del restauro in Europa: accesso ai finanziamenti, gare d’appalto, problemi di normativa, problemi di lavoro, concorrenza in ambito europeo. ASSORESTAURO e CSP potranno rappresentare (ma il convegno non ha preclusioni) questi temi ed esigenze.
5. Soprintendenze (in attesa di conferma).

- ore 11.30: interventi programmati (10-12 per 8-10 min. ciascuno)
(Fra questi, con definizione provvisoria e non cronologica dei primi interventi, compresi quelli del pomeriggio)
1. Un’esperienza europea, o un’istituzione europea del settore
2. Direzioni Regionali del MIBAC;
3. OPD, (Dott.ssa Letizia Montalbano, direttore SAF)*
4. OPD altri settori (in attesa)
5. ISCR, vari settori (in attesa)
6. Venaria, Vari settori (in attesa)
7. ARI*
8. Accademie, Istituzioni, Enti locali;
9. SUPSI (Arch. Giacinta Jean)*
10. Associazione Secco Suardo (in attesa)
11. ICCROM (in attesa)
12. ICOMOS (in attesa)
13. Centro europeo del Restauro, Ischia (Dott. Auricchio)*
14. Palazzo Spinelli*
15. CNA (in attesa)
16. Dott. Mannuccia (ISOLA Lab. Restauro. Messina)*
17. Altre scuole private, Fondazioni (a FI, Fondaz. Del Bianco, Fondaz. Lisio), riviste del settore e altri comunicatori.
18. La Ragione del Restauro*
19. Restauratori senza frontiere*
20. "Università del restauro" ecc.
21. Arch. Bellanca, membro ICOMOS*: Esperienze di restauri in Italia e in Europa"
22. Dott.ssa Maria Paola Masini, Direttore sez. didattica Soprint. Polo Museale FI*
23. Arch. Valentina Russo, Università Federico II Napoli*
24. Dott. Andrea Rattazzi, Forum Italiano Calce: Le esperienze formative del Forum Italiano Calce*.
Hanno inoltre confermato la partecipazione alcune aziende e laboratori di restauro, che interverranno anche con un testo scritto.

* Confermata partecipazione/contributo scritto

- ore 13.00: pausa pranzo
- ore 14.00: ripresa dei lavori, relazione riassuntiva a cura del moderatore;
- ore 14.15: interventi di altre scuole e accademie italiane ed estere, centri per l'impiego ecc. (6-7 min. per intervento);
- ore 15.30: dibattito (6-7 min. per intervento). Distribuzione dei libri omaggio.
- ore 16.45: conclusione dei lavori, saluti.
- ore 17.00: Chiusura del Convegno.
------------------------
Contatti preliminari:
Andrea Galeazzi, a.galeazzi@nardinieditore.it, Tel. 0557954326
Ennio Bazzoni, e.bazzoni@nardinieditore.it, Tel. 0557954322
www.nardinieditore.it
www.nardinibookstore.it
www.kermes.nardinieditore.it
-------------------
Nota: il complesso delle Murate è raggiungibile dalla Stazione FFSS di Firenze SMN con 10-15 minuti di bus e frequenza ogni 5 minuti circa con varie linee (6-14-23-31-32-33) a disposizione. Per il ritorno in stazione è possibile utilizzare due bus con frequenza 10 min. circa (14-23 + bus elettrici verso il centro. Nel programma definitivo saremo precisi).
Raggiungibili a piedi, nei pressi delle Murate, fra l'altro:
- Facoltà di Architettura (1 min.)
- Mercato di S. Ambrogio (1 min)
- Piazza Santa Croce (6-7 min.)
- Sinagoga (7-8 min.)
- Museo dell'Opificio (10 min.)
- Piazza SS. Annunziata e piazza S. Marco (10-15 min.)
Per chi viene in auto: si trovano nei dintorni delle Murate 2 grandi parcheggi sotterranei: costo orientativo da Euro 12 a Euro 20 per 8 ore di sosta (a partire da 1.70 per h).
Per visionare la Sala Vetrata e gli altri spazi del PAC, www.lemuratepac.it.
In collaborazione con lo sportello EuropeDirect del Comune di Firenze nell'ambito delle Notti Blu, www.edfirenze.eu

Veniteci a trovare
il 10 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: