Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Email di protesta al sindaco di Verona per ordinanza NO cibo, No Acqua ai senzatetto !

Verona Verona VR, Italia
Google+

L’associazione Ahimsa Gandhi dell'Abruzzo invita i cittadini a inviare una email di protesta al Sindaco leghista di Verona per l’ordinanza del 23 Aprile 2014, che vieta di donare cibo e acqua ai poveri in strada. Proibito il “pic nic” in centro a Verona. Ma soprattutto vietata la distribuzione da parte delle associazioni solidali di cibi, bevande e coperte ai senzatetto anche in periodi primaverili ed estivi non connessi cioè all’emergenza freddo. Con un’ordinanza che rimarrà in vigore fino al 31 ottobre 2014. Con sanzioni da 25 a 500 euro.
Potete leggere l’articolo al seguente link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/23/verona-ordinanza-vieta-di-dare-da-mangiare-per-la-strada-a-senza-tetto-e-vagabondi/961799/

L’UNIONE FA LA FORZA!!!!

Destinatario: sindaco@comune.verona.it

Per conoscenza:
presidenza@regione.veneto.it, dip.servizisociosanitarisociali@regione.veneto.it, anna_leso@giunta.comune.verona.it, info@rondadellacaritaverona.org, segreteria@caritas.vr.it, coordinamento@caritas.vr.it,

Sig. Sindaco Flavio Tosi,
ci sono ragioni che vanno oltre quelle che hanno ispirato la sua ordinanza con la quale si vieta di donare cibo, acqua, coperte e ogni necessità ai poveri che vivono in strada. E’ giusto e lodevole mantenere la dignità degli uomini e delle città, mettendo a disposizione luoghi e locali alternativi per chi vive in estrema povertà e non ha altra scelta che quella del marciapiede: ma attenzione, che quei posti non diventino dei muri alzati dall’ipocrisia figlia di indifferenza e discriminazione, non diventino dei ghetti in cui relegare persone di poco valore considerate di serie B!
Ciò che ritengo inaccettabile e immorale è che questa ordinanza vieti e addirittura preveda multe per chi vuole fare opera di carità e compassione: questa è un’offesa alle più nobili virtù umane e sentimenti d’amore universalmente riconosciuti, espressione tra le più alte dell’animo umano.
E’ paradossale che una virtù così nobile, un desiderio ammirevole, insomma il “fare del bene”, debba essere censurato e addirittura vietato per legge, anziché incentivato per migliorare eticamente, culturalmente, socialmente quindi per far crescere, maturare e responsabilizzare la società civile particolarmente pensando alle giovani generazioni.

Immaginiamo che sia tarda notte, che un senzatetto si trovi di passaggio a Verona, che non conosca nessuno, non abbia soldi, che trovi serrande abbassate, che abbia freddo e fame… . Immaginiamo anche che io mi trovi in quella tarda notte di passaggio a Verona e che abbia un panino e una bottiglietta d’acqua in più nello zaino… . Immaginiamo che io incontri quel signore… . Secondo l’ordinanza non dovrei ascoltare quella evidente ma muta richiesta d’aiuto perché a Verona è vietato soccorrere un proprio simile decidendo che quel poveretto debba patire la fame quasi come una pena da espiare.
Immaginiamo anche che tanta gente come me non verrà a visitare Verona sino a quando sarà in vigore questa ordinanza.

Distinti saluti.
Luogo, data e firma..

Veniteci a trovare
il 15 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: