Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"I predatori dell'arte perduta. Il saccheggio dell'archeologia in Italia" - Fabio Isman a Cisterna d

Comune di Cisterna di Latina via Giacomo Zanella 2, Cisterna di Latina LT, Italia
Google+

FABIO ISMAN A CISTERNA DI LATINA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "I PREDATORI DELL'ARTE PERDUTA - IL SACCHEGGIO DELL'ARCHEOLOGIA IN ITALIA"

L'Associazione Culturale Mayhem, con il Patrocinio del Comune di Cisterna di Latina e del Comune di Lanuvio, presenta, sabato 10 maggio alle 10.30 presso l'Aula Consiliare del Comune, il libro di Fabio Isman "I predatori dell'arte perduta. Il saccheggio dell'archeologia in Italia (Ed. Skira, 2009)".
Oltre all'autore, interverranno la Dottoressa Giuseppina Ghini, Funzionario Archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio e il Dott. Luca Attenni, Direttore del Museo Civico Lanuvino, che illustreranno il recupero della statua dell'Imperatore Caligola a Nemi, il rinvenimento della stipe votiva in Località Pantanacci, una delle realtà archeologiche di maggiore interesse scientifico degli ultimi anni nel panorama italiano e laziale in particolare e le peculiarità della gestione museale.
Il libro di Isman, tra i quattro vincitori del premio Estense nel 2009, è l'unico lavoro ad oggi disponibile che ricostruisce, come in una spy story, attraverso interviste e documenti giudiziari, la "Grande Razzia" delle opere d'arte che si è consumata in Italia dal 1970 al 2004. Centinaia di siti archeologici della penisola violati e devastati; milioni di reperti, tesori spesso unici al mondo,scavati clandestinamente e resi oggetti "muti" al di fuori dei propri contesti che, per il tramite di "tombaroli", intermediari e grandi mercanti d'arte, sono stati acquistati, a cifre esorbitanti, da grandi musei internazionali, americani ed europei e da misteriosi collezionisti privati, con la complicità di prestigiose case d'asta. Solo una piccola parte è stata finora restituita. Un traffico, quello delle opere d'arte, che è paragonabile solo a quello degli stupefacenti ma che è sicuramente meno pericoloso: nessun cane fiuta in aeroporto un'opera d'arte e, spesso, le persone indagate e processate, restano a piede libero.
L'autore riserverà un intervento alla situazione di Cisterna, in particolare alla vicenda del Tempio "unico al mondo" di Caprifico di Torrecchia.
Fabio Isman, è nato a Monza da una famiglia triestina e per 40 anni ha lavorato a Il Messaggero, come capo dei Servizi italiani ed inviato speciale, dopo essere passato per le redazioni del Piccolo e del Gazzettino (direzione Cavallari). Collabora a Il Messaggero e a varie testate specializzate, come Il Giornale dell’arte, The Art Newspaper, Bell’Italia e Art e Dossier, dove ha ripreso una rubrica fortunata, La pagina nera, che aveva condotto per dieci anni. Ha ideato, fondato, e diretto fino a marzo 2014, Artemagazine, quotidiano on line di arte e mostre.Dal 1980, si occupa prevalentemente di Beni culturali, in Italia e all’estero. Da solo, o con altri, ha scritto 37 libri, anche sui restauri e la salvaguardia del patrimonio storico-artistico e sulle capitali dell’arte.

Per informazioni:
Uffico Stampa e segreteria organizzativa Associazione Culturale Mayhem: 333/3468816
e- mail: info@associazionemayhem.it

Veniteci a trovare
il 10 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: